Polemiche sul caso Silvia Romano, il Centrodestra di nuovo unito negli attacchi al governo. La CEI interviene nella questione: “È figlia di tutti noi”.

La liberazione di Silvia Romano è diventata un argomento di scontro politico. Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia si fanno portavoce del malcontento e battono sul tema del riscatto e della conversione, aprendo un dibattito anche pericoloso che riguarda la religione e la libertà di culto. E forse non a caso la CEI ha deciso di intervenire chiamando la ragazza ‘figlia’, “Figlia di tutti noi“.

Silvia Romano Ciampino
fonte foto https://www.facebook.com/palazzochigi.it/

Liberazione di Silvia Romano, Centrodestra unito contro il governo

A scatenare le polemiche sono due aspetti. Il pagamento del riscatto e la conversione della giovane. Il Centrodestra si riscopre unito negli attacchi al governo per il modo in cui è stata gestita la situazione. Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia criticano la pubblicità fatta ai terroristi, che potrebbero utilizzare i soldi incassati per finanziare la loro guerra.

Matteo Salvini si dice felice per la liberazione di Silvia Romano ma parla di una vittoria dei terroristi, che avrebbero vinto una battaglia economica, incassando i soldi per il riscatto, e culturale, per le immagini di Silvia Romano convertita.

Anche Giorgia Meloni parla di una vittoria dell’Islam e chiede che lo Stato italiano si muova contro i rapitori di Silvia.

Matteo Salvini
fonte foto https://www.facebook.com/legasalvinipremier/

La posizione della CEI

Anche la CEI ha deciso di prendere pubblicamente posizione anche perché le polemiche e le strumentalizzazioni avevano preso una piega pericolosa.

Silvia è una figlia di tutti noi, che ha corso dei pericoli enormi, che ha avuto coraggio e forza d’animo“, ha dichiarato il presidente della Cei Gualtiero Bassetti.


Repubblica – Silvia Romano, tensione tra Di Maio e Conte. Farnesina informata a operazione terminata

Caso Silvia Romano, Salvini: ‘Qualche domanda deve avere risposta’. Di Maio, “Adesso un po’ di rispetto”