Silvio Berlusconi al Corriere della Sera: “Auguro il meglio a Renzi, preferisco una sinistra moderna. Il Centrodestra può vincere in Umbria e in altre regioni, questo è il futuro”.

Intervenuto ai microfoni de il Corriere della Sera, Silvio Berlusconi ha parlato della coalizione di Centrodestra e del ritorno in auge di Matteo Renzi, bravo ad approfittare del clima di instabilità per ritagliarsi un ruolo di primo piano anche negli equilibri della maggioranza di governo.

Silvio Berlusconi parla di Matteo Renzi: “Preferisco una sinistra moderna, lontana dagli errori del passato”

Nella prima parte della sua intervista al Corriere della Sera Silvio Berlusconi ha parlato di Matteo Renzi, visto come il male minore rispetto allo zoccolo duro del Partito democratico.

A Renzi auguro di avere successo perché preferisco per il Paese una sinistra moderna, europea, lontana dalle ideologie e dagli errori del passato. In ogni caso questo riguarda l’altra metà campo“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Meloni, Berlusconi e Salvini
fonte foto https://twitter.com/iacopo_melio

Berlusconi, “Il Centrodestra può vincere in Umbria e nelle altre elezioni, questo è il futuro, non è il passato”

Il Cavaliere ha poi parlato delle differenze tra Forza Italia e la Lega di Matteo Salvini, una differenza soprattutto formale ma che riguarda anche i contenuti.

Il fatto che usiamo un linguaggio moderato e rispettoso per le istituzioni non significa che non siamo alternativi alla sinistra. Lo siamo stati, lo siamo e lo saremo. Noi ci rivolgiamo agli italiani responsabili, alle persone che vogliono competenza e non selfie”.

Questo, per Berlusconi, non significa che il Centrodestra non rappresenti il futuro del Paese, approfittando delle prossime elezioni regionali.

Il Centrodestra unito può vincere nei prossimi giorni in Umbria, nei prossimi mesi nelle altre regioni che andranno al voto. Questo non è il passato, è il futro”.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 20-09-2019


Stop al decreto Ambiente, mancano i fondi. Costa si dovrà confrontare con Gualtieri

Taglio dei parlamentari e Umbria, il doppio ultimatum di Di Maio al Pd