Il Ros ha arrestato Alice Brignoli, moglie del militante dell’Isis Mohamed Koraichi. La donna condannata a 4 anni

DAMASCO – Alice Brignoli, fermata in Siria nel corso dell’operazione denominata “Match”, è stata condannata a 4 anni per terrorismo e a 5 anni di interdizione dai pubblici uffici.

Alice Brignoli, la “mamma foreigh fighter”

Alice Brignoli, moglie del militante dell’Isis italiano di origine marocchina Mohamed Koraichi, era stata arrestata dal Ros con l’accusa di associazione a delinquere con finalità di terrorismo. Gli uomini del Ros hanno anche rintracciato i figli della donna e li hanno rimpatriati.

https://www.youtube.com/watch?v=fJx1MAG7UUo&ab_channel=La7Attualit%C3%A0

Dal 2015 in Siria insieme con i figli

La donna, secondo le indagini, ha lasciato l’Italia nel 2015 con il marito, Mohamed Koraichi, cittadino italiano di origine marocchina, e ai loro tre figli minori. I cinque si sono diretti alla volta dei territori occupati dall’autoproclamato Stato islamico. Koraichi ha preso parte alle operazioni militari del Califfato. La moglie invece avrebbe ricoperto un ruolo attivo nell’istruzione dei figli alla causa del jihad.

Alice Brignoli condannata a 4 anni di carcere e 5 di interdizione dai pubblici uffici

Nel maggio 2021, Alice Brignoli è stata condannata a 4 anni di carcere e 5 anni di interdizione dai pubblici uffici per associazione a delinquere con finalità di terrorismo internazionale.

Per la pubblica accusa, che aveva chiesto cinque anni di carcere, quella della donna è una storia di fanatismo. La donna avrebbe indottrinato i figli e avrebbe raggiunto la Siria con loro per farli diventare combattenti.

Non solo. Secondo l’accusa Brignoli avrebbe tentato di convertire anche la madre e altri membri della famiglia.

La difesa aveva chiesto la piena assoluzione in quanto la sua militanza all’Isis non sarebbe stata provata.


Biella, uomo di 71 anni morto dopo vaccino con Pfizer. La famiglia chiede l’autopsia

Covid, gli anticorpi durano almeno fino a 8 mesi