Sono in arrivo gli smart glasses grazie alla collaborazione tra Facebook e Luxottica.

ROMA – Nel 2021 sono attesi sul mercato gli smart glasses di Facebook e Luxottica. La collaborazione tra le due aziende è stata ufficializzata nella giornata di mercoledì 16 settembre 2020. Un’intesa che porterà alla produzione di questi Ray-Ban.

Si tratta di una prima volta in assoluto visto che fino ad ora mai nessuna azienda è riuscita a mettere sul mercato prodotti simili. Ci aveva provato in passato Google in collaborazione con Luxottica. Tentativo che non è andato a buon fine.

L’incontro tra Zuckerberg e Del Vecchio

Galeotto fu un incontro tra Zuckerberg e Del Vecchio nel maggio 2019. Il fondatore di Facebook ha incontrato il numero uno di Luxottica ad Agordo, in provincia di Belluno.

Un colloquio che è servito a mettere le basi per questo nuovo progetto. Massimo riserbo da entrambe le società che hanno preferito non dare informazioni almeno fino alla conferenza stampa di Facebook che ha annunciato questo accordo pluriennale. Le operazioni per creare questi smart glasses sono iniziati con il prodotto atteso sul mercato nel 2021. Una novità assoluta che potrebbe far crescere il patrimonio di entrambe le società.

Mark Zuckerberg
Mark Zuckerberg

Il tentativo fallito di Google

La prima azienda a pensare agli smart glasses era stata Google sempre in collaborazione con Luxottica. Un tentativo non andato a buon fine con la società americana che è stata costretta a fare un passo indietro.

Leonardo Del Vecchio non si è arreso e ha deciso di iniziare questo lavoro con Facebook. Un anno di duro lavoro, compreso anche il periodo del lockdown, per definire tutti i dettagli. I primi prodotti sono attesi nel 2021. Nei prossimi mesi saranno comunicati tutti i particolari di questi occhiali. Una novità assoluta con molte persone che sono pronte a provarli appena saranno disponibili sul mercato.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
economia Facebook Luxottica smart glasses

ultimo aggiornamento: 20-09-2020


E’ morto Franco Verona, il patron dell’azienda delle stilografiche Aurora

Ma quanto si risparmia (davvero) con il taglio dei parlamentari