Sono in arrivo gli smart glasses grazie alla collaborazione tra Facebook e Luxottica.

ROMA – Nel 2021 sono arrivati in Italiasul mercato gli smart glasses di Facebook e Luxottica. La collaborazione tra le due aziende è stata ufficializzata nella giornata di mercoledì 16 settembre 2020. Un’intesa che porterà alla produzione di questi Ray-Ban.

Si tratta di una prima volta in assoluto visto che fino ad ora mai nessuna azienda è riuscita a mettere sul mercato prodotti simili. Ci aveva provato in passato Google in collaborazione con Luxottica. Tentativo che non è andato a buon fine.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

L’incontro tra Zuckerberg e Del Vecchio

Galeotto fu un incontro tra Zuckerberg e Del Vecchio nel maggio 2019. Il fondatore di Facebook ha incontrato il numero uno di Luxottica ad Agordo, in provincia di Belluno.

Un colloquio che è servito a mettere le basi per questo nuovo progetto. Si tratta di occhiali che consentono di fare video, foto e chiamate e soprattutto c’è una luce avvisa se in funzione, per privacy. Un progetto sicuramente importante visto che hanno un costo molto simile a quello di un occhiale griffato. Ora questi occhiali sono arrivati in Italia e sono molti i cittadini pronti a comprarli.

Mark Zuckerberg
Mark Zuckerberg

Il tentativo fallito di Google

La prima azienda a pensare agli smart glasses era stata Google sempre in collaborazione con Luxottica. Un tentativo non andato a buon fine con la società americana che è stata costretta a fare un passo indietro.

Leonardo Del Vecchio non si è arreso e ha deciso di iniziare questo lavoro con Facebook. Un anno di duro lavoro, compreso anche il periodo del lockdown, per definire tutti i dettagli. I primi prodotti sono arrivati nel 2021. Nei prossimi mesi saranno comunicati i numeri di questa assoluta novità. Un oggetto molto particolare e molte persone sono pronte a provarli appena saranno disponibili sul mercato del proprio Paese.

ultimo aggiornamento: 09-09-2021


Ita, arriva il via libera dell’Unione Europea

Arriva Netflix Italia, ecco cosa cambia