Barbados, visto di un anno per chi lavora in smart working e decide di farlo sulla fantastica isola da sogno. L’appello del Primo Ministro.

Smart working, un anno alle Barbados per i lavoratori agili di tutto il mondo. L’appello arriva dal Primo Ministro di Barbados Mia amor Mottley, che ha invitato i lavoratori ‘agili’ a trascorrere un anno sull’isola tropicale.

Smart working alle Barbados, l’appello del primo ministro

Lavorare su un’amaca, sulla sabbia bianca e di fronte a un mare color cielo. È questa più o meno la proposta del Primo Ministro di Barbados che ha invitato chi è in smart working a trascorrere un anno sull’isola. Incredibile ma vero.

L’appello nasce dal fatto che a causa del coronavirus di turisti sull’isola paradisiaca non se ne sono visti. Allora perché non sfruttare i vantaggi del lavoro agile per unire l’utile al dilettevole?

Insomma, altro che noiosa routine tra le mura domestiche. Giornate all’aria aperta, sfiorati dalla brezza e bagnati da un mare da sogno. Resta solo da capire quanti dipendenti possano riuscire nell’impresa più grande: convincere i datori di lavoro ad approvare la trasferta. È vero che un dipendente rende al meglio quando lavora nelle condizioni migliori, ma è anche vero che deve essere bravo a resistere alle tentazioni e alle distrazioni…

Mare Barbados

Barbados Welcome Stamp, il visto di un anno

Gli smart worker potranno ottenere un visto della durata di un anno. Si tratta della Barbados Welcome Stamp, una sorta di lasciapassare per dodici mesi.

Nei prossimi giorni le autorità locali dovrebbero fornire i dettagli per quanto riguarda il regolamento per ottenere il visto di dodici mesi.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
barbados economia evidenza

ultimo aggiornamento: 12-07-2020


Continua la scalata di Musk: è il settimo uomo più ricco al mondo

Kurz avvisa l’Italia: “Gli aiuti devono essere investiti correttamente”