Le indicazioni dei sondaggi politici a seguito degli avvenimenti degli ultimi giorni. Il quadro italiano e i preferiti dalla maggioranza.

Promosso il governo Draghi per la maggioranza degli italiani (57%), ma gli elettori sono divisi a metà riguardo la scelta del premier di dimettersi, andando al voto anticipato. In particolare, le elezioni già il 25 settembre sono state ritenute un evento negativo per l’Italia per il 42% degli elettori di Lega e Forza Italia. Attualmente, i risultati di voto vedono FdI come primo partito con il 23,8%, seguito dal Pd con il 22,5%. Sulle preferenze rispetto il futuro premier, il nominativo di Giorgia Meloni viene indicato dall’86% degli elettori di centrodestra.

Questo sarebbe il quadro che emerge dal sondaggio, realizzato dall’istituto di ricerca Quorum/YouTrend per Sky Tg24 e diffuso dal canale all news. Dalla rilevazione, emergerebbe chi siano stati, per gli italiani, i responsabili della crisi di governo (Giuseppe Conte per il 41,1%) e delle elezioni anticipate (Giuseppe Conte, per il 29%, Mario Draghi per il 17,2%, Matteo Salvini per l’11,1%).

Senato
Senato

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il sondaggio

Per il sondaggio, le figure maggiormente degne di fiducia, sarebbero il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella (64%) e Mario Draghi (54%). A seguire: Giorgia Meloni (38,75), Silvio Berlusconi (34,3%), Giuseppe Conte (30,7%), Matteo Salvini (30,4%), Enrico Letta (25%), Luigi Di Maio (22%) e Matteo Renzi (15,5%).

Per quanto riguarda le intenzioni di voto, FdI va al 23,8%, il Pd al 22,5%, la Lega si attesta su un 13,4%, mentre il M5s scende sotto il 10% (9,8%). FI ottiene l’8,3%, Azione e +Europa il 4,9%, Sinistra italiana/Europa Verde raggiunge il 4,2% e Insieme per il Futuro (Luigi Di Maio) il 2,6%. Infine, ItalExit è al 2%, Italia Viva al l’1,8% e Articolo 1 – MDP all’1,6%.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 26-07-2022


Decreto Aiuti: 14,3 miliardi per famiglie e imprese

Letta incontra Sala e Di Maio: il gioco delle alleanze