Spagna, la vittoria dei socialisti in Catalogna con Sanchez: un cambiamento epocale
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Spagna, la vittoria dei socialisti in Catalogna con Sanchez: un cambiamento epocale

Come la vittoria dei socialisti in Catalogna, guidati da Pedro Sanchez e Salvador Illa, rappresenta un punto di svolta storico

Nelle recenti elezioni in Catalogna, il Partito Socialista guidato dal primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha conseguito una vittoria significativa, superando i partiti indipendentisti e proclamando l’inizio di una “nuova era”. Questo risultato, definito storico dallo stesso Sanchez, potrebbe ridefinire il futuro politico della regione.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Una vittoria schiacciante

Con una partecipazione al voto del 58%, il Partito Socialista della Catalogna (Psc), con a capo l’ex ministro della Sanità durante la pandemia, Salvador Illa, ha ottenuto 42 seggi su 135 nel Parlamento regionale. Tale successo ha inflitto un duro colpo al governo separatista, al potere da più di un decennio. La sconfitta dei partiti indipendentisti dimostra un evidente cambio di rotta nell’orientamento politico della popolazione catalana.

Il complesso scenario post-elettorale

Nonostante il successo, i socialisti di Illa non hanno raggiunto la maggioranza assoluta e si trovano di fronte alla necessità di formare un governo di coalizione. Le opzioni includono un accordo con l’Esquerra Republicana de Catalunya (Erc), un partito separatista più moderato che ha conquistato 20 seggi. Alternativamente, potrebbero cercare un’alleanza più ampia con Sumar, estrema sinistra, e persino con partiti di destra come il Partito Popolare e Vox.

Il cambiamento segnato da queste elezioni potrebbe portare a una nuova configurazione politica in Catalogna. I partiti separatisti, privi della maggioranza necessaria per governare da soli, potrebbero dover riconsiderare le loro strategie. Salvador Illa emerge come una figura chiave in questo nuovo contesto, potenzialmente capace di unire diverse forze politiche per il bene della Catalogna. La promessa di una “nuova era” per tutti i catalani, a prescindere dalle loro convinzioni politiche, pone le basi per un futuro di maggiore stabilità e collaborazione.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 13 Maggio 2024 18:07

Minacce per il sindaco Roberto Gualtieri: l’intervento di Elly Schlein

nl pixel