Canada, sparatoria nella notte tra sabato e domenica. Sedici vittime, la peggior strage nella storia del paese. Ucciso il killer, ancora ignoto il movente.

Sparatoria in Canada il bilancio è di almeno sedici morti. Il killer è un uomo di cinquantuno anno che si era travestito da poliziotto. È stato ucciso dalla polizia durante uno scontro a fuoco.

Sparatoria in Canada, 16 morti

La sparatoria è avvenuta nella notte tra sabato e domenica in Nuova Scozia. Non è chiaro al momento quale sia stato il movente che ha spinto in cinquantunenne ad aprire il fuoco diventando così l’autore della peggior strage nella storia del Canada.

Gli indizia farebbero pensare a una premeditazione del gesto. Il killer, Gabriel Wortman, di professione dentista, si era travestito da poliziotto e aveva fatto in modo che la sua auto assomigliasse a quella della polizia.

A quel punto ha iniziato ha spostarsi per la zona di Portapique lasciandosi alle spalle una scia di morti.

SH_ambulanza
SH_ambulanza

Il killer era un uomo di cinquantuno anni: ucciso

Le autorità hanno avviato una caccia all’uomo che ha visti impegnati centinaia di uomini. Alla fine il killer è stato trovato travestito da poliziotto e ucciso durante il tentativo di arresto che si è trasformato, stando a quanto appreso, in uno scontro a fuoco.

Il movente

Resta al momento ignoto il movente che ha spinto il soggetto a sparare contro le persone. Non è chiaro se possa esserci stata in qualche modo una selezione delle vittime o delle potenziali vittime oppure no. Gli inquirenti dovranno ricostruire la dinamica esatta di quanto accaduto e dovranno ascoltare i conoscenti e familiari del killer per provare a ricostruire effettivamente quanto accaduto e soprattutto perché.


Coronavirus, uomo in spiaggia sanzionato dalla polizia: è polemica

Napoli, rapina carabiniere in borghese: il militare reagisce, muore un 15enne. Devastato Pronto Soccorso, 9 misure cautelari