Sparatoria davanti ad un ospedale di Parigi. Un uomo è morto, una donna è rimasta ferita. Il killer è riuscito a fuggire.

PARIGI (FRANCIA) – Sparatoria davanti ad un ospedale di Parigi. Secondo quanto scritto dal Corriere della Sera, il killer, per motivi ancora da accertare, ha aperto il fuoco contro un uomo e una donna nel XVI arrondissement della capitale francese.

Per l’uomo non c’è stato niente da fare, mentre la donna è stata ricoverata in terapia intensiva e i medici non hanno ancora sciolto la prognosi per le sue gravi condizioni. Aperta un’indagine per ricostruire meglio la dinamica di quanto successo.

Sparatoria a Parigi, un morto

La sparatoria è avvenuta davanti all’ospedale parigino di Henri Durant. Secondo le prime informazioni, il killer ha raggiunto il nosocomio (un hub per la somministrazione dei vaccini anti-Covid) ed ha esploso alcuni colpi di pistola verso un uomo e una donna. Per il primo non c’è stato niente da fare, mentre la seconda è stata trasportata in ospedale in codice rosso e attualmente si trova in terapia intensiva.

Subito dopo l’agguato, la persona ha camminato per 500 metri prima di darsi alla fuga e far perdere le proprie tracce.

Ambulanza barella
Ambulanza barella

L’indagine

L’indagine è stata aperta dagli inquirenti per ricostruire meglio la dinamica di quanto successo. Secondo le prime ricostruzioni, il movente sembra essere quello di un regolamento di conti.

Nelle prossime ore gli investigatori ascolteranno i testimoni per cercare di risalire all’identità del killer. L’uomo si è presentato a bordo di uno scooter ed ha esploso alcuni colpi di pistola prima di far perdere le sue tracce.

Sembra, al momento, escluso qualsiasi collegamento con l’hub vaccinale. L’ipotesi più probabile resta di un regolamento di conti e presto potrebbe essere interrogata anche la stessa donna, attualmente in terapia intensiva. Ma si attende l’ok dei medici per ascoltarla.


L’annuncio del parroco durante la messa della domenica: “Sono innamorato, lascio la tonaca”

Studentessa bendata durante un’interrogazione. M5s: “Gesto eccessivo e inopportuno”