Due poliziotti sono rimasti feriti in una sparatoria a Taranto. Bloccato la persona che ha aperto il fuoco.

TARANTO – Attimi di paura a Taranto per una sparatoria avvenuta sabato 22 gennaio 2022. Secondo le prime informazioni riportato da TgCom24, due poliziotti sono intervenuti per un tentato furto in una concessionaria e da qui è partito un inseguimento che si è concluso con il conflitto a fuoco.

Il malvivente ha esploso alcuni colpi nei confronti degli agenti per tentare una fuga a piedi, ma l’uomo è stato fermato poco dopo. E’ stata aperta un’indagine per ricostruire meglio quanto successo.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le condizioni dei poliziotti

I due agenti sono stati trasferiti in ospedale. Uno dei poliziotti è stato colpito alla mano e le sue condizioni non hanno mai preoccupato i sanitari. In un primo momento sembrava più grave il quadro clinico del collega, ferito al torace. Ma i medici lo hanno subito dichiarato fuori pericolo e nei prossimi giorni ritornerà a casa.

Tanta paura tra i presenti che hanno assistito a questa sparatoria. I testimoni sono stati ascoltati dagli inquirenti, che sono al lavoro per ricostruire meglio quanto successo e capire cosa ha portato l’uomo prima a rapinare la concessionaria e poi aprire il fuoco contro gli agenti.

Polizia
Polizia

Chi è il killer

Dalle prime informazioni, l’uomo che ha aperto il fuoco è una ex guardia giurata. Il malvivente, già noto alle forze dell’ordine, dopo un diverbio con il dipendente di una concessionaria ha portato via le chiavi di una auto e da qui è partito l’inseguimento che si è concluso con la sparatoria.

Il 42enne è sceso dalla sua auto ed ha scaricato tutti i colpi dell’arma contro i poliziotti prima di tentare la fuga. Ma la sua latitanza è durata davvero qualche metro visto che i colleghi dei due agenti lo hanno fermato subito.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 22-01-2022


Bologna, bambino travolto dal carro durante la sfilata di Carnevale. La mamma a processo

Incidenti sul lavoro in Italia, due morti in poche ore