Sparito il corpo dell'oppositore di Putin, Tajani: "Accertare la verità"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Sparito il corpo dell’oppositore di Putin, Tajani: “Accertare la verità”

Antonio Tajani

I dettagli della scomparsa di Alexei Navalny, tra accuse di omicidio pianificato, proteste contro Putin e la richiesta di verità.

La scomparsa di Alexei Navalny solleva dubbi e interrogativi. mentre Mosca parla di “morte improvvisa“, i sostenitori dell’oppositore di Putin nella Russia, gridano al complotto, sostenendo che si tratti di un omicidio pianificato. La famiglia di Navalny si trova di fronte a un muro di silenzio: il corpo dell’oppositore non è stato restituito, alimentando sospetti sulla volontà delle autorità di “nascondere le tracce” del delitto.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Vladimir Putin
Vladimir Putin

La lunga notte della ricerca e le contraddizioni

Una notte di incertezze e paura, quella vissuta dalla madre di Navalny e dal suo avvocato, nel tentativo disperato di ottenere risposte nel distretto artico di Yamalo-Nenets. Nonostante la conferma ufficiale della morte, le informazioni contraddittorie si sono susseguite, trasformando la ricerca in una vera e propria odissea.

Contraddizioni e silenzi

Il viaggio al carcere IK-3 e le successive indagini hanno sollevato più domande che risposte. Da un lato, la misteriosa “sindrome da morte improvvisa“, dall’altro, l’assenza di una causa di morte definita. La salma di Navalny rimane trattenuta, con la promessa di chiarimenti che sembra allontanarsi sempre più.

Mentre la Russia si stringe nel ricordo di Navalny, con omaggi e manifestazioni di protesta che si sono susseguite in molte città, il mondo osserva e condanna. Da Biden a Tajani, il coro internazionale chiede giustizia e verità, ma il silenzio di Putin pesa come un macigno sulle speranze di chiarezza.

Kira Yarmysh, portavoce di Navalny, incarna la determinazione di chi non si arrende: la richiesta di consegnare il corpo alla famiglia e l’appello a continuare la lotta per una “Russia bella e libera” sono un faro nel buio di questa tragedia. Il movimento, nonostante tutto, non intende fermarsi, alimentato dalla speranza di un futuro migliore.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 18 Febbraio 2024 9:12

Sciopero nazionale 21 febbraio: “Basta morti sul lavoro”, la protesta dei sindacati

nl pixel