Dall’1 ottobre per poter accedere ai servizi online del Fisco bisognerà essere in possesso di Spid, Cie o Cns.

ROMA – L’accesso online al Fisco cambia e dal 1° ottobre bisognerà essere in possesso dello Spid, della Cie (carta di identità elettronica) o del Cns (carta nazionale dei servizi). Si tratta di documenti fondamentali per poter svolgere tutto da casa senza dover andare negli uffici.

Una novità che, come scritto dal Corriere della Sera, porta alla cessazione dei precedenti username e password. Una decisione presa dal governo con il dl Semplificazioni per rendere più facile la possibilità di effettuare le pratiche da casa e non presentarsi in queste struttre.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Come attivare lo Spid

Lo Spid è a disposizione di tutti gli italiani che hanno 18 anni. Per attivarlo serve prima completare una parte online e poi presentarsi in uno dei gestori di identità abilitati e dare tutti i dati personale. I tempi di rilascio dipendono dalle singoli attività e una volta ottenuto lo Spid è gratuito.

Non si esclude nelle prossime settimane la possibilità di semplificare ancora di più questo procedimento vista la decisione di renderlo obbligatorio per poter entrare in tutti i servizi online del Fisco. Molto dipenderà dalle difficoltà che troveranno gli italiani ad ottenere questo documento.

Inps
Inps

Come ottenere la Cie

Per la Cie (carta di identità elettronica) bisogna andare al comune della propria città e completare tutte le pratiche. La carta viene rilasciata dopo qualche giorno, ma intanto viene dato un foglio sostitutivo. Con il documento poi si potrà entrare sul Fisco sia tramite il programma Software CIE oppure attraverso l’applicazione Cie ID.

Come detto, si tratta di un passaggio necessario per poter entrare nei servizi online del Fisco da casa dal 1° ottobre. Una misura che il Governo ha deciso di mettere in campo con il decreto semplificazioni.

ultimo aggiornamento: 30-09-2021


Borse 30 settembre, Milano ritorna in rosso

Ita sceglie Airbus come partner: comprati 28 aerei