Da Martina Navratilova a Justin Fashanu, gli sportivi gay che hanno fatto coming out. Il problema dell’omofobia nel mondo dello sport.

Intervenuto al Parlamento europeo in occasione di un incontro sul problema dell’omofobia nello sport, il centrocampista della Sampdoria Ekdal ha parlato del grande problema che caratterizza il mondo dello sport: gli atleti con una sessualità non riconosciuta come convenzionale dall’ambiente in cui si trovano non si sentono liberi di esprimere veramente sé stessi, per paura di essere emarginati se non addirittura discriminati.

In effetti non sono molti gli sportivi gay che hanno deciso di fare coming out, ossia di dichiararsi pubblicamente. La sensazione collettiva, anche tra gli stessi sportivi, è che i numeri siano decisamente più alti di quelli noti al grande pubblico.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Ian Thorpe
Fonte foto: https://www.facebook.com/IanThorpeOfficial

Gli sportivi gay che hanno fatto coming out

Nel mondo dello sport gli atleti che si sono dichiarati pubblicamente sembrano rappresentare illustri eccezioni in un mere magnum di persone che preferiscono vivere la propria vita personale nell’anonimato se non addirittura nel segreto o quasi.

Martina Navratilova

La campionessa di tennis Martina Navratilova fu tra le prime a fare coming out. Lo fece nel 1981, sfidando in qualche modo un’epoca decisamente difficile e poco disposta ad accettare certe situazioni.

Greg Louganis

Va detto che molto probabilmente la Navratilova fece da apri-pista. nel 1988 fu Greg Louganis, tuffatore statunitense, a dichiarare la propria omosessualità.

Amelie Mauresmo

Al tramonto degli anni Novanta, esattamente nel 1999, la tennista Amelie Mauresmo dichiarò di essere lesbica.

Ian Thorpe

Uno degli atleti che ha deciso di rendere nota la propria omosessualità è Ian Thorpre, campione del nuoto a livello olimpico e mondiale. Lo fece in occasione di un’intervista ai microfoni di Channel 10 e lo fece con il chiaro intento di spingere altri a dichiararsi per vivere la libertà di essere sé stessi.

Di seguito uno dei post condivisi da Thorpe sulla propria pagina Facebook

Excited about heading to #Istanbul to celebrate the 25th Bosphorus Cross-Continental Swim 2 Kıta 1 Yarış – http://gms.to/1cV2PpL

Pubblicato da Ian Thorpe su Giovedì 4 luglio 2013

Tom Daley

Restiamo nel mondo dell’acqua per trovare un altro atleta che si è dichiarato. Si tratta di Tom Daley, campione di tuffi. Lui si sarebbe dichiarato in un video su YouTube, nel quale ha rivelato di avere una relazione con un uomo.

Gareth Thomas

Uno dei casi iconici è quello di Gareth Thomas, rugbista irlandese. Avrebbe fatto coming out nel 2009.

Justin Fashanu

Il primo caso nel mondo del calcio fu quello di Justin Fashanu, calciatore inglese che dichiarò la propria omosessualità nel 1990. Sarebbe stato rinnegato dalla famiglia e dal mondo dello sport. Si tolse la vita nel 19998.

L’omosessualità e lo sport

La sensazione, anche tra gli sportivi, è che l’omosessualità sia ancora oggi un argomento tabù. Gli idoli dello sport, sovraesposti a livello mediatico, preferiscono tacere la propria omosessualità per evitare di essere discriminati e di essere messi ai margini magari anche dai propri sponsor.

“Quello del calcio è un ambiente dove l’omofobia è ancora diffusa. Questi giocatori sono preoccupati di diventare un bersaglio per gli insulti e lo scherno, sia dentro che fuori dal campo. Come risultato si sentono obbligati a nascondersi, fuggire e vivere nella paura. Ecco perché dobbiamo reagire, utilizzando l’istruzione come una forza per un cambiamento positivo”, ha dichiarato Ekdal.

ultimo aggiornamento: 06-02-2020


Serie A, pari a reti bianche tra Lazio e Verona

Serie A, ritorna la polemica sui direttori di gara. Fonseca “In A gli arbitraggi non sono uguali per tutti”