Ecco tutto quello che c’è da sapere sugli spostamenti in auto in zona bianca: le regole da seguire e le Faq del Governo italiano.

A seguito della pandemia globale di Covid-19, in Italia, come tutti sanno, sono state istituite le zone, che a seconda di diversi parametri tra cui l’Rt e l’andamento dei contagi sono colorate in modo diverso. Nell’estate 2021, con il progressivo abbassamento di questi parametri, molte regioni sono entrate nella cosiddetta zona bianca. Ma che cosa comporta per il gli spostamenti, in particolare in macchina? Per quanto riguarda le zone rosse, arancioni e gialle c’erano delle regole ben precise da osservare in auto. E invece in zona bianca? In quante persone si può viaggiare in un’unica autovettura? Bisogna indossare le mascherine? E in moto? Ecco tutto quello che c’è da sapere, anche guardando le faq che il Governo italiano ha messo a disposizione di tutti.

Spostamenti in auto in zona bianca: quante persone?

A dispetto delle regole da tenere in auto nelle zone colorate di rosso, arancione e giallo, in zona bianca saranno pressoché identiche, seppur vengano meno diverse limitazioni che erano valide nelle altre zone. Ma questo non vale per gli spostamenti in auto. Ovviamente essere dovranno essere rispettate in caso di persone non conviventi, perché nel caso opposto non ci sono problemi. Quindi, quante persone in macchina in zona bianca? Il Governo italiano chiarisce le cose con alcune Faq.

Mascherina in auto
Mascherina in auto

Alla domanda, Posso usare l’automobile con persone non conviventi? La risposta che dà il Governo è la seguente:

Sì, purché siano rispettate le stesse misure di precauzione previste per il trasporto non di linea: ossia con la presenza del solo guidatore nella parte anteriore della vettura e di due passeggeri al massimo per ciascuna ulteriore fila di sedili posteriori, con obbligo per tutti i passeggeri di indossare la mascherina. Dunque anche in fascia bianca in auto potremo portare con noi (per esempio su una berlina da 5 posti) al massimo due persone non conviventi, che devono stare entrambe sedute sul sedile posteriore. Sul sedile anteriore non potrà essere seduto nessuno“.

Quindi il numero di persone non conviventi varia a seconda delle capienza del veicolo, e a seconda della possibilità di mantenere la distanza di almeno un metro. In questo caso vale la regola del distanziamento di almeno 1 metro, e anche l’uso della mascherina mentre si è in marcia è ancora obbligatorio.

Sempre in merito alla mascherina, se tra la parte anteriore e quella posteriore dell’abitacolo è presente un divisorio, ad esempio in plexiglas, si può viaggiare con il guidatore e un unico passeggero seduto dietro, e la mascherina può anche non essere indossata.

Spostamenti in moto: le regole in zona bianca e le multe

Se alla domanda, quanti in macchina in zona bianca, la risposta è variabile a seconda del distanziamento possibile nel mezzo e della presenza o meno di un divisorio nell’abitacolo, in moto le cose sono un po’ diverse. Bisogna sapere che in moto non è necessario l’uso della mascherina, perché si usa il casco. Allo stesso modo se si vuole avere un passeggero in moto l’unico caso in cui è possibile spostarsi è se il passeggero è un convivente. Nel caso di non convivente lo spostamento non è possibile, in quanto la distanza di un metro non potrebbe essere rispettata, a prescindere dall’uso della mascherina e di altri metodi di sicurezza.

Per quanto riguarda le sanzioni, sia in moto sia in auto, essere sono decisamente alte, in quanto a un controllo delle forze dell’ordine chi venisse colto in fallo dovrebbe pagare una multa piuttosto salata, che va dai 533 euro ai 1333 euro, nei casi più gravi. È bene quindi conoscere queste regole per una guida in sicurezza.


Mercato auto, immatricolazioni in calo a maggio. In crescita i veicoli ibridi ed elettrici

Chi è Benedetto Vigna, nuovo Amministratore delegato della Ferrari