Stanley Cohen è morto. Il Nobel per la Medicina con Rita Levi Montalcini si è spento all’età di 97 anni in una casa di riposo di Nashville.

NASHVILLE (STATI UNITI) – Grave lutto nel mondo della scienza. Nella casa di riposo di Nashville, nel Tennessee, è morto all’età di 97 anni Stanley Cohen, Nobel per la Medicina con Rita Levi Montalcini nel 1986.

La scomparsa è stata confermata dai familiari che non hanno comunicato i motivi del decesso. Nelle prossime ore saranno molti i suoi ex alunni e colleghi che andranno ad omaggiare una delle persone più importante della scienza internazionale con i suoi esperimenti che hanno dato un impulso importante alla ricerca e alle scoperte.

Chi era Stanley Cohen

Nato il 17 novembre 1922 (Sagittario) a New York, negli Stati Uniti, Stanley Cohen ha iniziato ad occuparsi di ricerca nel 1952 alla Washington University. Durante la sua attività di professore si è dedicato ad esperimenti sulla biochimica della crescita cellulare. Lavoro che lo ha portato ad una lunga collaborazione con Rita Levi Montalcini.

La coppia nel 1986 ha vinto il premio Nobel per la Medicina per i risultati ottenuti con lo studio del fattore di crescita delle cellule nervose. Un risultato importante per i due che hanno collaborato per diversi anni.

Ambulanza
Ambulanza

Stanley Cohen morto

Negli anni scorsi il premio Nobel per la Medicina è stato portato in una casa di riposo di Nashville per problemi di salute. La notizia del decesso è stata comunicata dalla stessa struttura e confermata dalla famiglia che, però, non ha precisato i motivi della scomparsa.

Nelle prossime ore saranno molti gli ex colleghi e alunni che negli anni lo hanno accompagnato in questo percorso di ricerca. La sua morte lascia un vuoto incolmabile nel mondo della scienza vista che nel 1986 ha vinto il premio Nobel per la Medicina insieme a Rita Levi Montalcini.

fonte foto copertina https://twitter.com/StraNotizie


Sanremo, Fiorello risponde a Ferro: “Mi ha scatenato contro l’odio”

Bambini terminali, il parere del comitato nazionale della Bioetica: “No a cure inutili solo perché chieste dai genitori”