Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, guarda con fiducia alla convocazione degli Stati generali: “Siamo stati i primi a chiedere unità”.

ROMA – Silvio Berlusconi è pronto a partecipare agli Stati generali del governo: “Siamo stati i primi a chiedere che maggioranza e opposizione lavorassero insieme per riunire, di fronte al disastro, le miglioro risorse del Paese. Ne parlerò con i nostri alleati, ma credo dovremmo partecipare. Abbiamo il dovere di non trascurare nessuna possibilità. Speriamo che questa volta l’ascolto non sia solo un atto formale“. Così ha detto l’ex premier a Carta Bianca.

Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Cosa sono gli Stati generali

Gli Stati generali di Conte sono un incontro fra rappresentanti del governo, dell’opposizione parlamentare, rappresentanti delle parti sociali  – sindacati, Confindustria, Confcommercio, Confagricoltura e Pmi – e alcuni intellettuali, definiti da Conte “menti brillanti”, per definire in modo condiviso, le linee di intervento economico per il rilancio del paese dopo la crisi causata dalla pandemia di Covid-19.

Convincere gli alleati sul Mes

Poi, Berlusconi è tornato sulla questione del Mes, che divide ancora il centrodestra: “Sul Mes cercherò di convincere i miei alleati perché sono assolutamente sicuro che si debba fare. Comunque – ha spiegato il presidente di Forza Italia – sul Mes non si sono convinti neppure i Cinque stelle ma mi pare assodato che abbiamo opinioni diverse con gli alleati del centrodestra. Noi abbiamo maggiore propensione a un rapporto costruttivo con l’Europa. Questa linea di credito è stata pensata apposta per aiutare e l’Italia ne avrebbe clamorosamente i maggiori vantaggi“.

ultimo aggiornamento: 10-06-2020


Pisapia: ‘Temo che il governo abbia barattato gli affari con il silenzio sul caso Regeni’

Zona Rossa ad Alzano e Nembro, saranno sentiti anche Conte, Speranza e Lamorgese