Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Lloyd Austin, ha annunciato l’invio di 50 blindati Gepard all’Ucraina.

La guerra in Ucraina ha causato moltissimi problemi a livello geopolitico. Oltre al dramma degli ucraini che hanno dovuto scegliere se imbracciare un fucile per la prima volta nella loro vita per difendere le loro case dall’invasore russo, oppure scappare dalla loro patria e dai ricordi di una vita in cerca di pace, anche l’equilibrio geopolitico mondiale è a rischio. La Nato contro la Russia: questo sembra essere lo schieramento di una possibile terza guerra mondiale, ipotesi sempre più accreditata anche a causa dell’offensiva odierna in Transnistria da parte di Putin. In quest’ottica, gli Stati Uniti hanno annunciato l’invio da parte della Germania di 50 blindati Gepard per dare manforte dalla resistenza ucraina.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole di Lloyd Austin

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Lloyd Austin, ha annunciato che la Germania invierà 50 blindati Gepard, semoventi antiaereo, per dare manforte alla resistenza dell’Ucraina. Le sue parole arrivano dalla base di Ramstein, in Germania. “Voglio salutare con particolare favore – ha dichiarato Austin – una decisione importante dei nostri ospiti tedeschi … La Germania invierà all’Ucraina circa 50 sistemi antiaerei Cheetah

guerra ucraina carroarmati trasporto
Guerra

Austin ha inoltre dichiarato che Vladimir Putin “non si sarebbe mai immaginato che il mondo si sarebbe raccolto dietro l’Ucraina in modo così rapido e sicuro”. Queste le parole del segretario alla Difesa degli Stati Uniti nel mezzo di una conferenza stampa tenutasi nella base tedesca di Ramstein, dove si è tenuto un vertice dell’Alleanza atlantica. Qui, Austin ha inoltre affermato che “la resistenza dell’Ucraina ha dato ispirazione al mondo libero e ancora più determinazione alla Nato”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 26-04-2022


Ucraina, Lapo Elkann porta 150 rifugiati in Portogallo

Il calcio femminile diventa professionistico: la svolta storica