Stop treni tra Roma e Firenze per accertamenti dell’autorità giudiziaria. Possibili ritardi per i convogli sia da Nord che da Sud.

ROMA – Una mattina di lunedì 22 luglio 2019 infernale per il trasporto ferroviario. Un incendio, di origine dolosa e rivendicato dagli anarchici, ha messo fuori uso una cabina elettrica paralizzando la circolazione.

Lo stop dei treni tra Roma e Firenze per accertamenti giudiziari ha provocato diversi disagi per i passeggeri e non solo.

Stop treni tra Roma e Firenze: i motivi

Nel comunicato di RFI non vengono specificati i motivi di questi disagi ma l’ANSA parla di accertamenti giudiziari in corso. La zona ‘colpita’ è quella tra Rovezzano e Firenze Campo Marte sulle linee Direttissima e convenzionale tra Roma e Firenze.

Nella nota si precisa come “è in corso la riprogrammazione del traffico ferroviario. E sul posto sono presenti le squadre del RFI“. Nelle prossime ore saranno comunicati ulteriori aggiornamento con la circolazione che dovrebbe tornare alla normalità al termine di queste operazioni. I disagi, però, rischiano di esserci tutta la giornata visto che alla ripresa del servizio ci potrebbero essere ulteriori ritardi.

Nelle ore successive è stato chiarito che la circolazione ferroviaria è andata in tilt per un incendio che ha interessato una cabina elettrica.

Di seguito il tweet di RFI

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Gli accertamenti

Secondo quanto riportato da La Repubblica, lo stop è dovuto ad un incendio di una cabina elettrica dell’Alta Velocità. Le prime ipotesi parlano di una matrice dolosa ma la Digos e la Polizia scientifica sono sul posto per effettuare tutti i controlli del caso.

Il rogo si è registrato a Rovezzano, paesino in provincia di Firenze. Sono in corso tutte le operazioni per ripristinare il prima possibile la circolazione ferroviaria ma si rischia di avere diversi disagi per tutta la giornata. E non sarà una settimana semplice per i treni e i trasporti visto che mercoledì 24 è previsto uno sciopero ferroviario che rischia di procurare problemi ai pendolari e non solo. Giorni infernali per i trasporti e i passeggeri.

La rivendicazione anarchica

Gli inquirenti hanno iniziato a battere la pista anarchica che sembra trovare conferma in un messaggio pubblicato su Finimondo.org, portale vicino al mondo anarchico.

“Cosa è successo? All’alba, nella prima periferia del capoluogo toscano, una cabina elettrica dell’Alta Velocità si è surriscaldata al punto da andare in fiamme. Sarà stato un caso? Una coincidenza? Una ‘vile provocazione’? Oppure, più semplicemente ed umanamente, un gesto d’amore e di rabbia?”.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/Trenord-1949772078428123/


Crac Teatro Eliseo, indagato Luca Barbareschi

Camera Ardente Francesco Saverio Borrelli, si riunisce il Pool di Mani Pulite