Un uomo ha sparato da un tetto sulla parata per la festa dell’Indipendenza del 4 luglio: 6 morti.

A Chicago un giovane di 22 anni ha sparato da un tetto sulla folla uccidendo sei persone che stavano sfilando per la parata del 4 luglio, la festa dell’Indipendenza americana. La strage della festa più importante degli Stati Uniti è un’altra tragica carneficina nella storia del Paese. A Chicago la festa dell’Independence Day è finita in un massacro. Sei morti e trentuno feriti è il bilancio.

Le autorità hanno identificato l’autore della sparatoria. Si tratta di Robert Crimo, un 22enne bianco residente nella zona, la periferia di Chicago, ad Highland Park a nord della città. Ha sparato dal tetto di una casa sulla folla, un centinaio di persone che festeggiava il 4 luglio. Le persone sono scappate terrorizzate dopo aver sentito la raffica dei colpi provenienti da un tetto.

Omicidio pistola
Omicidio pistola

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Nuovo massacro negli Stati Uniti

Le urla di chi si dirigeva nella direzione opposta ha scatenato il panico delle persone circostanti che hanno iniziato a correre. La parata è durata pochi minuti perché finita in una carneficina. Nelle città limitrofe sono state annullate tutte le celebrazioni per il 4 luglio per questioni di sicurezza. Dopo una lunga caccia, la polizia è riuscita ad arrestare il colpevole della sparatoria. Dai social network emerge che l’artefice del massacro in Illinois faceva parte di gruppi suprematisti bianchi.

Il presidente Joe Biden si è detto sconvolto per questo ennesimo episodio di violenza senza senso. Ma la periferia di Chicago non è l’unico posto in cui le celebrazioni del 4 luglio sono finite nel sangue. Anche a Philadelphia. Fortunatamente, il bilancio è molto meno grave e sono solo due agenti di polizia feriti. Al momento ancora deve essere arrestato l’artefice e gli agenti proseguono con la caccia all’uomo.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 05-07-2022


Siccità: 5 regioni in stato di emergenza

Draghi sulla Marmolada: “Non deve succedere più”