Superbonus al 110 per cento, quali sono i requisiti e i lavori che si possono fare avvalendosi dell’agevolazione inserita nel decreto Rilancio.

In data 29 luglio 2020, il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli era intervenuto in audizione in commissione vigilanza sull’anagrafe tributaria facendo sapere che erano prossimi alla firma i decreti attuativi per il Superbonus 110%

Ritengo che le risorse ci saranno per portare avanti il superbonus per tutto il settennato della programmazione economica-finanziaria europea“, ha evidenziato Patuanelli.

Nel mese di ottobre è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Requisiti, che di fatto elenca le condizioni per accedere al Superbonus 110.

Firmato il Decreto Asseverazioni

Nel pomeriggio del 5 agosto, sul sito del Mise è stata comunicata la firma del decreto Asseverazioni.

“Il Ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, ha firmato il decreto attuativo relativo alla modulistica e alle modalità di trasmissione dell’asseverazione agli organi competenti, tra cui Enea, per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici previsti dal decreto Rilancio”.

Cos’è il ‘Superbonus 110’

Le informazioni tecniche arrivano dall’Agenzia delle Entrate. Previsto dal decreto Rilancio, il Superbonus “eleva al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici”.

Scarica QUI il Decreto Rilancio.

Cosa si può fare con il Superbonus

Ma che lavori si possono fare con il Superbonus? Le indicazioni arrivano dalle linee guida dell’Agenzia delle Entrate.

Interventi di isolamento termico sugli involucri

Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni

Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti

Interventi antisismici: la detrazione già prevista dal Sismabonus è elevata al 110% per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.

Gli interventi aggiuntivi

Esistono poi i cosiddetti interventi aggiuntivi, che devono essere eseguiti insieme ad almeno uno degli interventi principali.

Interventi di efficientamento energetico

Installazione di impianti solari fotovoltaici

Infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici

Soldi euro
Soldi euro

Quali sono i requisiti?

Ci sono ovviamente anche requisiti necessari per poter accedere al bonus previsto dal decreto Rilancio.

Rispettare i requisiti previsti da un apposito decreto12 da emanarsi ad opera del Ministero dello sviluppo economico. Nelle more dell’adozione del decreto richiamato, continuano ad applicarsi i decreti 19 febbraio 2007 e 11 marzo 2008 (cfr. comma 3-ter articolo 14 del decreto-legge n.63 del 2013);

Assicurare, nel loro complesso, anche congiuntamente agli interventi di efficientamento energetico, all’installazione di impianti solari fotovoltaici ed, eventualmente, dei sistemi di accumulo, il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio, compreso quello unifamiliare o delle unità immobiliari site all’interno di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti e che dispongono di uno o più accessi autonomi dall’esterno, ovvero, se non possibile in quanto l’edificio o l’unità familiare è già nella penultima (terzultima) classe, il conseguimento della classe energetica più alta.

I moduli

Il testo del decreto e i moduli sono disponibili sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
decreto rilancio economia evidenza superbonus

ultimo aggiornamento: 06-10-2020


Borse 5 ottobre, i listini chiudono in rialzo

NaDef, via libera in Consiglio dei Ministri