Suzuki Baleno: la piccola grande cittadina anche ibrida

Lanciata nel 2015, la Suzuki Baleno combina la praticità di un’utilitaria con il comfort di una berlina cinque porte.

Le più recenti tendenze del mercato automobilistico impongono alle Case costruttrici un’offerta ampia e flessibile, in grado di coprire il maggior numero di segmenti possibile e, al contempo, di venire incontro alle varie esigenze di una variegata clientela. Le principali direttrici che condizionano il mercato attuale e che si imporrano in modo ancor più netto in futuro sono l’economicità dei consumi e la versatilità, intesa anzitutto come la capacità di combinare i pregi di segmenti diversi (il ‘crossover‘, in tal senso, è l’esempio più calzante).

Un marchio che da tempo opera in questa direzione è la Suzuki, la cui gamma ‘copre’ i segmenti più popolari offrendo, al contempo, anche motorizzazioni alternative ai classici propulsori a combustione interna. Tra i modelli che meglio rappresentano la politica del marchio nipponico vi è la Baleno, una berlina cinque porte lancia sul mercato nel 2015.

Scheda tecnica Suzuki Baleno

Lunga quasi 4 metri (3.995 mm) e larga 1.745 mm, la Suzuki Baleno è una berlina cinque porte omologata per cinque posti; è alta meno di un metro e mezzo (1.460 mm) ed ha un interasse che misura 2.52 metri.

Dal punto di vista tecnico, la Baleno è costruita utilizzando la piattaforma modulare Heartech, la stessa impiegata anche per la Ignis e la sesta serie della Swift. È equipaggiata con freni a disco (quelli anteriori sono ventilati); le sospensioni anteriori sono del tipo Mac Pherson a molle elicoidali mentre quelle posteriori sono a barra di torsione.

Il design – elaborato dal Centro Stile Suzuki di Torino – è semplice e lineare; l’anteriore è dominato dalla calandra a forma di trapezio rovesciato e presenta un profilo cromato che si congiunge direttamente ai gruppi ottici; la fascia inferiore accoglie una presa d’aria e due proiettori fendinebbia. Sia la fiancata che il retro si sviluppano tramite superfici regolari ed armoniose; il prospetto posteriore si caratterizza per lo spoiler sopra il lunotto e la barra cromata che unisce i due gruppi ottici.

La carrozzeria è disponibile in nove tonalità differenti: al Bianco Santorini ed al Rosso Marrakech, gli unici due colori pastello, si aggiungono le sette vernici metallizzate (Blu Haiti, Blu Prussia, Nero Dubai, Bianco Washington, Grigio Londra, Argento Tokyo, Grigio Antracite Detroit) opzionali per ciascun allestimento di gamma.

La gamma Suzuki Baleno si sviluppa su tre livelli: Easy, Cool e Top. L’equipaggiamento dell’allestimento base comprende: servosterzo elettrico EPS, chiusura centralizzata, climatizzatore manuale, filtro antipolline, sistema audio con quattro altoparlanti, ingressi USB e AUX, impianto HI-FI con Radio, lettore CD, bluetooth e comandi al volante (quello in pelle è offerto solo con l’allestimento Top).

Suzuki Baleno Hybrid
fonte foto: media.suzuki.co.uk

La versione di vertice, invece, offre anche gli alzacristalli elettrici posteriori, la keyless entry, il climatizzatore automatico monozona, la funzione Mirror Link con connettività Apple CarPlay per smartphone e sistema di navigazione con display touch screen da 7”. I cerchi sono da 16” in antracite e lo spoiler posteriore è in tinta con la carrozzeria; i gruppi ottici comprendono proiettori fendinebbia, retronebbia e luci diurne a LED. In aggiunta, l’allestimento prevede anche il privacy glass e i vetri posteriori azzurrati.

Per quanto concerne i dispositivi di sicurezza – sia attiva che passiva – la Baleno ibrida è dotata di controllo elettronico della stabilità e della trazione, di ABS con EBD e assistenza alla frenata.

Le motorizzazioni: un 4 cilindri in linea da 1.2 litri

La Suzuki Baleno viene proposta sul mercato in due versioni, una a benzina ed una ibrida. Entrambe sono sospinte dalla stessa motorizzazione. Si tratta di un propulsore aspirato a 4 cilindri in linea da 1.242 cc di cilindrata, abbinato alla trazione anteriore.

Questa motorizzazione è in grado di sviluppare una potenza massima di 90 CV (ad un regime di 6.000 giri al minuto) e di sviluppare 120 Nm di coppia a 4.400 giri al minuto. La Baleno a benzina viene offerta sia con un cambio manuale a cinque marce sia con una trasmissione CVT (a variazione continua); questa seconda opzione è disponibile solo in abbinamento all’allestimento Top. Per quanto concerne i riscontri prestazionali, la velocità di punta dichiarata dal costruttore è di 175 km/h (180 km/h per le varianti con cambio CVT) mentre il tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h è di 12.3 secondi.

L’allestimento base risulta piuttosto parco nei consumi (5.2 litri di carburante ogni 100 km percorsi in ciclo misto); le emissioni inquinanti registrate raggiungono i 111 g per km (omologazione secondo il protocollo Euro 6).

La Suzuki Baleno ibrida

La versione ibrida della Baleno è spinta dalla stessa motorizzazione presente sulla variante a benzina. La differenza sostanziale consiste nell’impiego della tecnologia SHVS (Smart Hybrid Vehicle by Suzuki) abbinata al 4 cilindri in linea da 1.2 litri.

Suzuki Baleno Hybrid
fonte foto: media.suzuki.co.uk

Si tratta di un sistema mild-hybrid che “assiste il motore utilizzando un alternatore ISG (Integrated Starter Generator) leggero e compatto che possiede una funzione elettrica ed una batteria agli ioni di litio ad elevata capacità“, come si legge sulla brochure del modello. Nello specifico, il sistema prevede una serie di funzioni volte ad ottimizzare l’uso di carburante, dall’arresto automatico al riavvio; in aggiunta, l’alternatore ISG utilizza l’energia di decelerazione per produrre l’energia elettrica necessaria a ricaricare la batteria.

Anche nella versione ibrida, il motore Suzuki Baleno sviluppa 90 CV (66 kW) di potenza e 120 Nm di coppia motrice; grazie a queste caratteristica, raggiunge i 100 km/h da fermo in 12.3 secondi mentre la velocità massima dichiarata dalla Casa giapponese è di 180 km/h. Rispetto ai modelli con motorizzazione a benzina, la Suzuki Baleno ibrida offre migliori riscontri in termini di consumi ed emissioni; in ciclo urbano, la berlina giapponese consuma 4.7 litri ogni 100 km mentre in percorso extra-urbano il dato cala sensibilmente (3.6 l/100 km); il dispendio di carburante in ciclo combinato è di 4.0 l/100 km. Anche le emissioni inquinanti – secondo i dati rilasciati dalla Suzuki – sono inferiori, ovvero 94 g di CO2 per km.

Il listino prezzi Suzuki Baleno

La Suzuki Baleno si colloca in una fascia media rispetto al segmento di appartenenza. Un allestimento base di un modello con motore a benzina è a listino a 14.100 euro mentre una versione top di gamma (con cambio CVT) costa 18.100 euro. Una variante ibrida, invece, viene proposta a 17.600 euro. Grazie al costo contenuto ed alla grande praticità, la Baleno è una delle migliori opzioni per spostarsi in grandi città, come ad esempio Torino.

Dove acquistare la gamma Suzuki a Torino e dintorni

per l’acquisto di un modello della Casa giapponese nel capoluogo piemontese è possibile rivolgersi al concessionario Autogrup S. Per vedere e provare la gamma completa possiamo rivolgerci alle due sedi:

Corso Giulio Cesare, 324/328
10154 Torino

Corso Trieste, 140
10024 Moncalieri

Fonte foto copertina: media.suzuki.co.uk

ultimo aggiornamento: 17-04-2019

X