Suzuki Ignis: la compatta con l’animo del SUV

Tornata a listino nel 2016, la nuova Suzuki Ignis coniuga la praticità di una city car alla personalità di uno Sport Utility Vehicle.

La Ignis è un modello di crossover compatto prodotto dalla Suzuki a partire dal 2016; il nome riprende quello di un’altro modello della Casa nipponica, una superutilitaria realizzata e commercializzata tra il 2000 ed il 2008. Progettata dal Centro Stile Suzuki di Torino, la nuova Ignis si caratterizza per il design muscolare e, nonostante gli ingombri contenuti, un assetto che strizza l’occhio al segmento dei SUV.

Scheda tecnica Suzuki Ignis

Il SUV più ultracompatto di sempre” recita lo slogan Suzuki; in effetti, come già accennato, la nuova Ignis (omologata per quattro posti) incarna in maniera esemplare il concetto di auto crossover: lunga 3.7 metri, larga 1.66 m e alta 1.595 mm, il modello prodotto dalla Casa Nipponica presenta ingombri da utilitaria ‘classica’ (grazie anche ad un passo di poco inferiore ai 2.5 metri) abbinati ad una linea stilistica da Sport Utility Vehicle.

Suzuki Ignis
fonte foto: media.suzuki.co.uk

Il frontale della nuova Suzuki Ignis è dominato dalla griglia che si sviluppa tra i due gruppi ottici; incorniciata da un profilo cromato, la calandra ospita al centro il logo della Casa e segue, superiormente, la linea del cofano. Nella fascia inferiore trovano posto due prese d’aria e i proiettori fendinebbia. Ben progettato anche il prospetto laterale, dove il carattere della Ignis trova la sua espressione migliore: i passaruota sono scolpiti in maniera netta mentre la cornice dei finestrini posteriori presenta un ‘taglio’ triangolare. A completare il profilo caratteristico del crossover giapponese c’è il posteriore, con il lunotto inclinato.

Dal punto di vista tecnico, la Ignis condivide con la Baleno e la Swift l’architettura di base, costituita dalla piattaforma modulare Heartech; monta freni a disco ventilati all’anteriore e a tamburo al posteriore. Le sospensioni sono del tipo MacPherson e molle elicoidali davanti ed a barra di torsione al retrotreno.

La gamma Ignis si articola in due allestimenti (Cool e Top); per la carrozzeria cinque porte, il costruttore nipponico offre in tutto dieci tonalità: una pastello (Rosso Marrakech), cinque metallizzate (Bianco Articol, Blu Azzorre, Grigio Londra, Nero Dubai e Argento New York). Le altre opzioni prevedono un colore di carrozzeria metallizzato (Arancio Amsterdam, Azzurro Maldive, Bianco Artico e Rosso Marrakech) abbinato al tettuccio nero.

L’equipaggiamento di serie si dimostra di buon livello rispetto al segmento d’appartenenza; non mancano né i dispositivi di sicurezza (airbag, controllo elettronico della stabilità e della trazione, servosterzo elettrico, ABS con EBD, assistenza alla frenata e sistema Isofix) né quelli di infotainment, tra i quali figurano l’impianto radio, lo schermo touch con ingressi AUX e USB (più la connettività Bluetooth), il display multifunzione e il Cruise Control. Alcuni accessori sono disponibili solo sull’allestimento di vertice della gamma, come ad esempio i cerchi in lega da 16” in luogo di quelli in acciaio da 15” o i fari full LED a regolazione automatica; tra gli optional a pagamento vi sono le fasce adesive da applicare alla fiancata e le barre portaoggetti da installare sul tetto.

Le motorizzazioni Suzuki Ignis: il 1.2 benzina è anche 4×4

La Suzuki offre una sola power unit per la Ignis: un quattro cilindri in linea aspirato Dualjet da 1.2 litri, declinato in un solo taglio di potenza (90 CV). Omologato secondo la normativa Euro 6, questo motore è in grado di sviluppare una coppia motrice da 120 Nm ad un regime di 4.400 giri. La motorizzazione viene abbinata ad un cambio manuale a cinque marce, offerto anche in una variante sequenziale a controllo elettronico (con lo stesso numero di rapporti). Entrambi gli allestimenti di gamma sono disponibili sia con la trazione anteriore sia con le quattro ruote motrici, grazie al sistema “All Grip“.

Per quanto concerne i riscontri prestazionali, la Ignis offre un rendimento di tutto rispetto, stando ai dati forniti dalla Suzuki. La velocità massima dichiarata è di 170 km/h mentre il tempo per passare da 0 a 100 km/h è di 13 secondi netti; nelle versioni a trazione integrale, il riscontro sulla velocità di punta cala leggermente (165 km/h) ed aumenta di mezzo secondo lo scatto da 0 a 100 km/h. La Ignis si presenta piuttosto parca nei consumi, con 4.5 litri di carburante ogni 100 km (motore benzina a trazione anteriore) mentre le emissioni registrate sono pari a 118 g per km.

Suzuki Ignis
Fonte foto: media.suzuki.co.uk

La Suzuki Ignis ibrida

Come gli altri modelli della gamma ibrida Suzuki, che comprende la Swift e la Baleno, anche la Ignis sfrutta il sistema mild-hybrid brevettato dalla Casa giapponese: il motore a combustione interna viene abbinato ad una batteria agli ioni di litio e ad un alternatore ISG (Integrated Starter Generator). Questo sistema presenta numerosi vantaggi: anzitutto, grazie alle dimensioni contenute, le batterie non pregiudicano in alcun modo la capacità e l’abilità interna dell’abitacolo.

In secondo luogo, la tecnologia ibrida Suzuki permette sia di implementare un sensibile risparmio di carburante e, contemporaneamente, di ridurre l’impatto ambientale, così da rispettare le sempre più stringenti normative europee in fatto di emissioni inquinanti. Rispetto alle versioni a benzina, quelle ibride offrono gli stessi riscontri in termini di prestazioni ma si dimostrano più economiche nei consumi: 3.9 l/100 km (trazione anteriore) e 4.1 l/100 km (All Grip). Anche le emissioni inquinanti sono inferiori: 98 g per km per le motorizzazioni a trazione anteriore e 105 g per km per quelle a trazione integrale.

Il listino prezzi Suzuki Ignis

La Ignis è uno dei modelli più accessibili della gamma auto Suzuki. Il piccolo SUV della Casa di Hamamatsu, infatti, si pone all’interno di una fascia di prezzo media. I modelli a benzina sono a listino con prezzi compresi tra i 14.200 euro ed i 17.450 euro mentre le varianti equipaggiate con la motorizzazione ibrida vengono offerte a prezzi che vanno da 15.700 euro a 18.450 euro.

Le peculiari caratteristiche costruttive fanno della Ignis l’auto ideale per chi non vuole rinunciare ad una componente di guida sportiva senza sacrificare la praticità di una vettura compatta, particolarmente adatta ai problemi di mobilità che possono presentarsi in grandi città come Torino. Nel capoluogo piemontese è possibile valutare, ed eventualmente acquistare, la Ignis ed altri modelli della gamma Suzuki presso le due sedi del concessionario Autogrup S, rispettivamente a Torino (Corso Giulio Cesare, 324/328) e Moncalieri (Corso Trieste, 140).

Fonte foto copertina: media.suzuki.co.uk

ultimo aggiornamento: 21-05-2019

X