Svolta storica per il Castello delle Cerimonie: ecco la decisione del comune
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Svolta storica per il Castello delle Cerimonie: ecco la decisione del comune

avvocato giudice tribunale legge

Novità sull’hotel La Sonrisa, noto come il Castello delle Cerimonie: richiesto dal comune un canone di occupazione.

Il famoso Castello delle cerimonie, meglio conosciuto come hotel La Sonrisa, situato nel cuore di Sant’Antonio Abate, ha recentemente subito un significativo cambiamento nella sua gestione e proprietà. Questa è passata in mano al comune.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Con il nuovo assetto proprietario, come riportato da Adnkronos.com, l’hotel La Sonrisa è ora tenuto a pagare un canone di occupazione.

giustizia arresto tribunale martelletto manette

Nuovi obblighi finanziari per il Castello delle Cerimonie

A seguito di una sentenza della Cassazione emessa il 15 febbraio, l’hotel è ora di proprietà comunale. La decisione arriva dopo anni di celebrazione grazie al popolare show sui matrimoni trasmesso da Real Time, che ha reso il castello una destinazione amata per le cerimonie nuziali.

Il canone di occupazione è stato determinato dall’Ufficio tecnico del Comune, basandosi sulle tabelle dell’Omi. Questa mossa del Comune di Sant’Antonio Abate si inserisce in un quadro di regolamentazione più ampio che mira a garantire una gestione più strutturata e legale delle proprietà comunali.

Parallelamente, nei mesi a venire, sono previste diverse perizie tecniche atte a valutare l’impatto ambientale, paesaggistico, urbanistico ed idrogeologico di eventuali strutture abusive presenti nell’area.

Queste valutazioni da parte del comune contribuiranno a una stima aggiornata del valore dell’immobile e delle strutture circostanti.

Il futuro dell’hotel La Sonrisa

Dunque, la decisione finale sul destino del Castello delle Cerimonie verrà presa dal nuovo Consiglio Comunale, le cui elezioni sono imminenti nel 2024.

Le opzioni sul tavolo includono sia la possibile demolizione delle strutture irregolari, sia la loro sanatoria e integrazione nel patrimonio dell’Ente. Solo dopo queste valutazioni si potrà decidere la futura destinazione dell’iconica struttura.

Durante l’ultima seduta del consiglio comunale, la sindaca Ilaria Abagnale ha comunicato questi sviluppi. Inoltre, ha sottolineato l’importanza di un approccio trasparente e regolato verso la gestione del patrimonio comunale.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 3 Maggio 2024 17:55

Non ci sono medici in Campania, emergenza concorso snobbato: ecco il motivo

nl pixel