Arriva l’autunno e porta con sé tutte le scadenze fiscali relative al 2021 e 2022: quali tasse dovranno pagare gli italiani?

Il decreto Semplificazioni porta con sé la proroga di ulteriori scadenze sulle tasse rispetto a quelle ordinarie. Due le novità principali per quanto riguarda le scadenze fiscali. Innanzitutto si torna al 25 del mese per l’invio dei modelli Intra. Inoltre è stato prorogato a fine anno il termine della trasmissione del modello Imu. Il modello riguarderà anche gli enti non commerciali.  

Come annunciato all’inizio, durante questo autunno 2022 si aggiungeranno delle nuove scadenze fiscali rispetto a quelle ordinarie per effetto del decreto Semplificazioni. Il provvedimento è entrato in vigore in seguito alla sua pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale lo scorso 19 agosto. 

Pagamenti

Il calendario fiscale dei prossimi mesi ha quindi subito delle modifiche. Nella giornata di ieri, lunedì 22 agosto, è scaduta la “tregua o proroga di Ferragosto”: ciò significa che gli italiani erano chiamati a regolare i conti con il fisco. La prossima scadenza si terrà il 25 agosto. Bisognerà presentare entro quella data i modelli Intrastat, riferiti al mese di luglio 2022. Secondo quanto stabilito dal decreto Semplificazioni, i cittadini sono tenuti ad inviare la documentazione relativa “entro il giorno 25 del mese successivo al periodo di riferimento”. 

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le scadenze del 16 settembre 

In settembre sono fissate altre scadenze. Il 16 del mese prossimo c’è il termine per versare la rata della dichiarazione dei redditi, sia per persone fisiche sia per soggetti Ires. E ancora la scadenza per il versamento dei contributi trimestrali Inps per le aziende agricole e per i pescatori. Poi il versamento dei contributi Inps per gestione separata e lavoro dipendente e la scadenza per i diversi versamenti Iva. 

Scadenze del 30 settembre 

Il 30 settembre scade il termine per l’invio della comunicazione delle liquidazioni periodiche (Lipe) dell’Iva del secondo trimestre. Entro quella data bisognerà anche inviare la dichiarazione dell’imposta di soggiorno da parte delle strutture ricettive. L’invio riguarda sia l’anno 2021 che quello 2022. 

Il 30 e 31 ottobre 

Entro il 10 ottobre i datori di lavoro domestico devono versare i contributi Inps. Entro il 15 deve essere fatta all’Agenzia delle Entrate la comunicazione per la cessione del credito e lo sconto in fattura. Entro il 31 ottobre i contribuenti sono tenuti al pagamento del canone di abbonamento Rai. 

Le tasse di novembre e dicembre 

Numerose le scadenze fissate per il 16 novembre e dicembre. Scade il termine per versare la rata della dichiarazione dei redditi sia per persone fisiche sia per soggetti Ires. E ancora il versamento dei contributi trimestrali Inps per le aziende agricole e per i pescatori e il versamento dei contributi Inps per gestione separata e lavoro dipendente. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 23-08-2022


Isole in vendita per tutte le tasche: anche in Italia

Rincari, dalle bollette alla tavola: la stangata a fine estate