Il presidente francese in una telefonata con l’omologo cinese Xi Jinping ha ribadito la necessità di giungere al cessate il fuoco.

L’Eliseo ha reso noto che al centro della telefonata tra il presidente Macron e il cinese Xi Jinping è stato il rispetto per l’integrità territoriale e la sovranità di Kiev. Inoltre, i due hanno convenuto sul raggiungere al più presto il cessate il fuoco aiutando le due parti Russia e Ucraina a riprendere i negoziati per arrivare alla pace.

Macron ha evidenziato le condizioni drammatica dei civili ucraini a causa di questa aggressione russa. Su questa situazione anche il presidente cinese ha concordato sul mettere in campo tutti gli aiuti possibili per la popolazione ucraina e fornirle tutto il sostegno umanitario possibile. Inoltre, i due leader hanno discusso anche del rischio di una crisi alimentare imminente. La Francia per fronteggiare questa crisi propone l’iniziativa Farm (Food and Agriculture Resilience Mission).

Xi Jinping
Xi Jinping

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Francia e Cina concordi su molti punti

Secondo quanto riportato, la Cina “supporta i Paesi europei nel prendere in mano la sicurezza dell’Europa. Dobbiamo essere particolarmente vigili sui confronti tra gruppi, che rappresenteranno una minaccia più grande e più duratura per la sicurezza e la stabilità globali» ha dichiarato Xi Jinping.

“I due capi dello Stato hanno ricordato il loro impegno a rispettare l’integrità territoriale e la sovranità dell’Ucraina e hanno condiviso l’urgenza di giungere ad un cessate il fuoco” annuncia l’Eliseo. Macron e Xi Jinping quindi sembrano concordare su molti punti. La pace e la sovranità territoriale sono indispensabili per entrambi per raggiungere il cessate il fuoco. Inoltre, il punto più importante è proprio l’attenzione ai civili e alle possibili conseguenze di questa guerra ovvero la crisi alimentare nel resto del mondo.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 11-05-2022


‘Ndrangheta a Roma: scoperta la “locale” nella capitale

Andiamo verso una crisi alimentare globale?