Per poter usufruire del Telepass gratis è necessario aderire alle offerte promozionali degli istituti bancari convenzionati con Telepass S.p.A..

Il Telepass è uno dei sistemi elettronici più diffusi per il pagamento del pedaggio autostradale. Esso, infatti, consente di risparmiare tempo, tramite l’addebito istantaneo della tariffa, evitando all’automobilista le code per pagare al casello in contanti. In aggiunta, è possibile tenere sempre sotto controllo la fatturazione, specie nei casi in cui il pagamento non sia andato a buon fine.

I servizi forniti in abbonamento dalla società Telepass possono essere acquistati e pagati in diversi modi, anche tramite alcune offerte speciali elaborate dagli istituti di credito per offrire ai propri clienti il Telepass gratis. Vediamo di seguito di cosa si tratta e quali sono le modalità per accedere a questo genere di agevolazione.

I costi dell’abbonamento Telepass

L’abbonamento a Telepass prevede un costo mensile pari a 1.26 euro per chi sceglie l’offerta base (‘pack Telepass’). L’utente che sottoscrive il contratto associa la targa della propria autovettura all’abbonamento, ricevendo – in locazione – il dispositivo elettronico per il pagamento automatico del pedaggio. A seconda del tipo di abbonamento siglato, il cliente ha accesso ad una serie di servizi; nello specifico, il Telepass Family include:

  • pagamento del pedaggio su tutte le autostrade presenti sul territorio nazionale;
  • pagamento della sosta all’interno dei parcheggi convenzionati (per saperne di più è possibile consultare l’apposita sezione del sito Telepass);
  • gli ingressi all’interno dell’Area C di Milano;
  • la soste all’interno delle aree di parcheggio delimitate dalle strisce blu, tramite l’app Telepass Pay;
  • il traghettamento sullo stretto di Messina (in collaborazione con “Caronte and Tourist”).

Per l’utilizzo di ciascuno di questi servizi, il Telepass non comporta alcun costo aggiuntivo rispetto alle tariffe imposte dalle società che gestiscono le strutture o i servizi sopra menzionati.

Come avere il Telepass gratis

In generale, non è possibile ottenere il Telepass gratuito, né per un periodo limitato di tempo né per sempre, rivolgendosi direttamente all’azienda che offre il servizio in abbonamento. Di contro, alcuni istituti di credito, di concerto con Telepass S.p.A., mettono a punto offerte promozionali (canone gratuito per sei mesi o un anno al massimo) accessibili solo a determinate condizioni, come ad esempio l’apertura di un nuovo conto corrente grazie alla quale si accede all’offerta che prevede il canone Telepass gratis.

Ciascun istituto di credito articola la promozione in maniera specifica ma, in linea di massima, per usufruire del Telepass gratis 6 mesi (o più) è necessario recarsi presso una filiale bancaria, richiedere un preventivo e sottoscrivere uno degli abbonamenti offerti in promozione (Telepass Family, Telepass Premium o Telepass Twin) entro il lasso di tempo indicato dalla banca stessa. È questo il caso, ad esempio, del Credito Cooperativo di Brescia che aveva offerto una promozione semestrale fino al 31 marzo 2019.

Una seconda opzione è rappresentata dalle promozioni offerte dalla società che gestisce una specifica tratta autostradale. Un esempio, in tal senso, era rappresentato dalla convenzione stipulata tra Strada dei Parchi S.p.A. (società che ha in gestione le autostrade A24 e A25) e Telepass S.p.A.. Nello specifico, la promozione prevedeva la possibilità di ottenere il Telepass Family gratis per un anno (ossia quattro cicli di fatturazione) per gli utenti che rispettassero le seguenti condizioni:

  • essere un utente delle autostrade A24 e A24 residente in Abruzzo o nel Lazio;
  • sottoscrivere un nuovo contratto Telepass Family;
  • formalizzare il contratto di abbonamento tra il 29 gennaio ed il 30 aprile 2018.

A scanso di equivoci, è bene sottolineare che quando si parla di ‘Telepass gratis’ non ci si riferisce al canone mensile (al netto delle promozioni che non si estendono mai oltre un periodo massimo di 12 mesi). Piuttosto, ciò che risulta gratuito sono l’attivazione e il dispositivo elettronico (quest’ultimo, concesso solo in locazione, non viene acquistato dal cliente che sottoscrive un nuovo contratto di abbonamento ma semplicemente affittato).

Inoltre, come già sottolineato, i costi di addebito sono nulli così come l’utilizzo stesso del Telepass, che non comporta alcuna maggiorazione delle tariffe in vigore, sia per quanto riguarda il pagamento del pedaggio in autostrada sia per gli altri servizi.

Trattandosi di promozioni è sempre bene consultare il sito di Telepass per sapere quali sono le promozioni effettivamente in vigore al momento.

Telepass Pay per Use

Nel 2021 Telepass ha lanciato l’offerta Telepass Pay Per Use: sostanzialmente il Telepass è gratis quando il servizio non viene utilizzato. Ma come funziona? “Nessun costo fisso mensile, nessuna spesa extra. Con Pay Per Use paghi solo il mese in cui usi i servizi per guidare e muoverti in modo smart e rapido con il tuo dispositivo“, si legge nella scheda dell’offerta presente sul sito Telepass.

L’attivazione costa 10 euro ai quali si devono aggiungere i 5 euro circa del costo di spedizione. Al momento dell’utilizzo si pagano 2,50 euro nel mese solare.

“Con Pay Per Use viaggi in modo pratico, rapido e senza sprechi e paghi la spesa mensile di 2,50€ solo quando decidi di usare il tuo dispositivo! Paghi automaticamente il pedaggio in autostrada, usi i parcheggi convenzionati e acquisti i biglietti per il traghetto dello stretto di Messina, tutto senza code né contanti! Non solo, attivi il servizio Area C Milano per entrate in centro città senza ticket e utilizzi il pratico servizio Memo in App per non dimenticare le scadenze importanti dei tuoi veicoli“.

Il Telepass gratis per disabili

Le persone portatrici di disabilità possono accedere a specifiche agevolazioni per quanto concerne il pagamento del canone annuo del Telepass. In casi del genere vengono stipulati specifici accordi tra la società Telepass S.p.A. e gli enti che gestiscono le strutture presso le quali sono disponibili i servizi inclusi nell’abbonamento (autostrade, parcheggi o altro).

Più in generale, l’esenzione per disabili è subordinata all’esistenza di specifici accordi o convenzioni tra il gestore della tratta autostradale e il Comune che rilascia il tagliando per disabili; inoltre, l’estensione di tale agevolazione può avere una durata variabile. Quindi anche in questo caso il consiglio è quello di consultare il sito di Telepass.

Telepass gratis Poste Italiane e banche

Tra i possibili metodi di pagamento del canone Telepass vi è anche l’addebito su un conto BancoPosta utilizzato per incassare lo stipendio o la pensione. I correntisti possono sottoscrivere un abbonamento Telepass Family compilando l’apposito modulo presso l’ufficio postale in cui è stato aperto il conto. Il servizio di pagamento del canone Telepass è gratis, in quanto non prevede nessun costo aggiuntivo a carico dell’utente al di là dell’addebito del canone stesso.

Ciò è valido anche per quanto concerne gli istituti bancari; il servizio di addebito è gratuito (mentre i tempi di fatturazione possono variare); molte banche consentono ai propri correntisti di ritirare il Telepass in filiale (è possibile fare altrettanto presso gli uffici postali, nel caso in cui si scelga un diverso metodo di addebito) e di usufruire di tutti i servizi associati all’abbonamento, compreso il pagamento del parcheggio all’interno delle aree di sosta contrassegnate dalle strisce blu e l’accesso all’Area C di Milano.

Fonte foto: https://www.facebook.com/telepass/

ultimo aggiornamento: 21-06-2021


Formula E, vittorie di Di Grassi e Mortara in Messico

Svolta Volvo: sarà completamente elettrica entro il 2030