Alta tensione tra Conte e Grillo. L’ex premier pensa nuovamente alla formazione di un nuovo partito.

ROMA – Alta tensione tra Giuseppe Conte e Beppe Grillo. Questi dovevano essere i giorni della presentazione del nuovo Statuto grillino, ma la trattativa tra l’ex premier e il fondatore del M5s non è ancora chiusa. Uno strappo molto difficile, almeno secondo quanto riferito dall’Adnkronos, da ricucire e l’avvocato starebbe nuovamente pensando all’ipotesi di dare vita ad un suo partito.

Nessuna decisione è stata presa e un faccia a faccia dovrebbe consentire di ricucire i rapporti tra i due. Ma tutte le ipotesi sono possibili almeno fino a quando non ci sarà il confronto tra i due.

Lo strappo dopo il ‘caso’ dell’ambasciata cinese

Uno strappo che sarebbe arrivato dopo il caso dell’ambasciata cinese. Il passo indietro dell’ex premier non è piaciuto al fondatore del M5s tanto che in molti lo descrivono amareggiato e deluso.

Il confronto tra i due continua e l’obiettivo è quello di poter arrivare ad un compromesso e pubblicare già nei prossimi giorni il nuovo Statuto. Ma non è da escludere neanche una rottura tra le parti. Questo dovrebbe portare alla fondazione di un partito da parte di Giuseppe Conte. Un passo destinato a provocare una nuova spaccatura nel Movimento.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

M5s sempre più diviso, rischio tracollo alle prossime elezioni

Il M5s è sempre più diviso e il rischio tracollo alle prossime elezioni è molto alto. L’ex premier Conte ormai da giorni parla da leader del MoVimento, ma le distanze con Beppe Grillo sembrano far slittare l’ipotesi di un voto sullo statuto e sul nuovo numero uno prevista in un primo momento entro fine giugno.

Una situazione che viene vista con molta preoccupazione anche da parte del Pd. L’alleanza strutturale è sempre più a rischio e molto dipenderà dall’esito del confronto tra Grillo e Conte.


Vertice Draghi-von der Leyen a Roma. Il premier: “La Commissione ha approvato il Recovery Plan”

Cinque anni fa la Brexit, il referendum che sancisce l’uscita del Regno Unito dall’Ue