Due scosse di terremoto nelle Marche. La prima è ha colpito la provincia di Macerata, la seconda quella di Fermo. Non si registrano danni a cose o persone.

Torna la paura nelle Marche, dove due scosse di terremoto hanno fatto tremare la terra e hanno riportato alla memoria i giorni difficili del sisma che sconvolto in Centro Italia. Fortunatamente non si registrano danni a cose o persone.

Due scosse di terremoto nelle Marche: la prima di magnitudo 2.7, la seconda di magnitudo 3.1

La prima scossa di terremoto è stata registrata dai sismografi intorno alle sei della mattina del 20 aprile. L’epicentro del sisma è stato indicato in provincia di Macerata. La scossa, di magnitudo 2.7, è stata avvertita distintamente dalla popolazione.

Vigili del fuoco terremoto
Vigili del fuoco

A distanza di venti minuti circa, una seconda scossa di terremoto, questa volta di magnitudo 3.1, è stata registrata a circa due chilometri da Santa Vittoria in Matenano, in provincia di Fermo.

Il bilancio della doppia scossa: tanta paura ma nessun danno

Stando alle prime informazioni che arrivano dalle Marche, non si registrerebbero danni a cose o persone. Le due scosse sono state avvertite distintamente dalla popolazione e molti hanno deciso di lasciare precauzionalmente le proprie case per andare in strada, mettendosi al sicuro in caso di crollo delle strutture.

Le autorità hanno disposto controlli strutturali agli edifici sensibili e a quelli più antichi per valutarne l’agibilità.

La scossa fortunatamente è avvenuta in un giorno in cui, complice il ponte per le vacanze di Pasqua, scuole e uffici erano praticamente vuoti.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca evidenza marche terremoto

ultimo aggiornamento: 20-04-2019


Paternò (Catania), anziano trovato morto nella propria abitazione: fermata la figlia

Da Pasqua al 1 maggio, il ponte più lungo della storia