La Corea del Nord ha testato un nuovo missile a lungo raggio. Preoccupazione da parte di Stati Uniti e Cina.

ROMA – La Corea del Nord ha testato un nuovo missile a lungo raggio. Come precisato dall’Ansa, che cita i media locali, la prova è avvenuta tra sabato 11 e domenica 12 settembre 2011 sotto gli occhi di osservatori importanti. Non è chiaro se era presente anche Kim.

Il test ha avuto successo e non si hanno ulteriori informazioni. La notizia, comunque, ha preoccupato (non poco) gli altri Stati e da Washington è arrivato l’invito alla cautela nell’utilizzo di questo missile.

Gli Stati Uniti: “Monitoreremo la situazione”

Fonti vicine al presidente Biden hanno confermato di essere a conoscenza del test missilistico e soprattutto che la situazione sarà monitorata costantemente anche perché esiste un pericolo reale per i Paesi vicini. Da parte della Cina, invece, un invito alla moderazione e soprattutto di incontrarsi a metà strada per proteggere la pace che ormai da diverso temo è stata raggiunta.

Pechino, inoltre, ha invitato la Corea del Nord a non utilizzare il missile e a risolvere il problema attraverso colloqui e comunicazioni. Nessuna replica da parte di Kim, con gli esperti che hanno raccolto dei dati importanti su questo test.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Kim Jong-un
Singapore 11/06/2018 – vertice Stati Uniti Repubblica Corea del Nord / foto Imago/Image nella foto: Donald Trump-Kim Yong Un ONLY ITALY

La Corea prepara altri test per il futuro?

La Corea del Nord non ha commentato il test e non si esclude la possibilità di fare ulteriori test in futuro. La situazione, come detto, sarà monitorata quotidianamente da Stati Uniti e Cina per intervenire in caso di rischio immediato anche se al momento non sembrano esserci attacchi imminenti.

Da Washington e da Pechino il consueto invito al colloquio e alla collaborazione anche con gli Stati vicini, ma non si possono escludere nelle prossime ore ulteriori test per verificare altri missili a lungo raggio.


Eitan, ecco come è stato portato a Tel Aviv

Roma, in fiamme l’ex fabbrica della Penicillina