Sono tornati sulla Terra l’attrice Yulia Peresild e il regista Klim Shipenko che hanno trascorso 12 giorni sulla stazione spaziale per le riprese di The Challenge, il primo film girato nello spazio.

La Russia entra nella storia del cinema e non solo: attrice Yulia Peresild e il regista Klim Shipenko sono tornati sulla Terra dopo aver trascorso 12 giorni nello spazio per le riprese di un film. Di fatto si tratta del primo film girato effettivamente nello spazio. Un evento destinato a rimanere nella storia del cinema, ovviamente.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Peresild e Chipenko sono tornati sulla Terra

Yulia Peresild, attrice, e il regista Klim Chipenko hanno trascorso ben 12 giorni a bordo della Stazione Spaziale per registrare alcune scene di un film ambientato nello spazio. I due sono tornati sulla Terra e la missione si è conclusa senza problemi o criticità. La navicella spaziale russa è atterrata in Kazakistan.

The Challenge è il primo film girato nello spazio

Il film storico è The Challenge. La pellicola racconta la storia di un medico chirurgo che raggiunge la stazione spaziale per operare un cosmonauta. Per la prima volta alcune scene sono state girate proprio nello spazio. Nel film in questione appariranno anche due astronauti russi che si trovano sulla stazione spaziale. I due hanno ovviamente un ruolo marginale. Si tratta di due comparse che aumentano comunque il coefficiente di realismo della pellicola.

Il progetto americano con Tom Cruise e la NASA

Yulia Peresild vince la corsa contro Tom Cruise, che nel 2020 aveva fatto sapere di star lavorando insieme con la NASA ad un progetto simile a quello effettivamente portato a termine dai russi, che vincono questa corsa orbitale che in qualche modo rimanda i più grandi ai tempi della Guerra Fredda.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 17-10-2021


Caos al Porto di Trieste, Puzzer rassegna le dimissioni: “Mi assumo le mie responsabilità”

Movida violenta, accoltellata una ragazza a Milano. A Lecco 55enne massacrata di botte perché si è lamentata degli schiamazzi