Titoli Agea, tutto quello che c’è da sapere: cosa sono, l’Agenzia, strumenti operativi e tutte le novità

Titoli Agea cosa sono? Scopri tutto quello che c’è da sapere sull’agenzia per le erogazioni nel settore agricolo.

Agea: cosa è?

L’AGEA, acronimo di Agenzia per le erogazioni in agricoltura, è un ente statale italiano che ha il compito di organizzare, controllare, coordinare e pagare i fondi riconosciuti dall’Unione Europea ai coltivatori. L’AGEA è stata fondata nel 1999 andando a sostituire l’agenzia AIMA ed oggi ha il compito di gestire circa 8 miliardi di euro di finanziamenti del FEASR Italia e 5 miliardi di finanziamenti di FEOGA. Uno dei principali strumenti operativi dell’AGEA è la SIN SpA, un sistema informativo nato nel 2005 con il compito di occuparsi dello sviluppo dell’agricoltura. Al suo interno una serie di compartecipanti come: Almaviva, Telespazio, Cooprogetti e tante altre. AGEA si occupa anche del controllo durante la fase di agricoltura di prodotti agricoli, ma anche di censire gli animali.

Titoli AGEA

Nel 2016 AGEA ha ufficializzato attraverso il Registro Nazionale Titoli, i titoli definitivi per il periodo 2015-2020. A due anni di distanza dall’approvazione dei nuovi titoli PAC finalmente i coltivatori possono conoscere il numero preciso e i valori definitivi sino al 2022. Tutti i dati relativi al numero di ettari, valore e titoli sono stati comunicati dall’AGEA entro e non oltre il 1 aprile del 2016. Per controllare in tempo reale il proprio portafoglio titoli, un agricoltura può collegarsi al portale www.sian.it e verificare sul Registro Nazionale dei Titoli (Rnt) il numero e il valore definitivo titoli 2015-2020. Una cosa va detta: rispetto al passato il valore dei titoli è cambiato:

  • i titoli oggi riguardano un pagamento pari al 58% del massimale negoziale;
  • il valore dei titoli subirà un cambiamento durante il periodo 2015-2020 in base al meccanismo di convergenza;

Il valore dei titoli sarà sicuramente inferiore al passato, ma va considerato che l’agricoltore usufruirà di nuove forme di pagamento come: il greening che riconosce il 50,16% del pagamento base, un pagamento per giovani agricoltori di circa 25% pagamento base per i primi 90 ettari e il pagamento accoppiato.

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 22-03-2017


Dove lasciare il TFR, tutte le scelte possibili

Erogazione TFR, chi elargisce il trattamento di fine rapporto