Il tedesco Nils Politt conquista la dodicesima tappa del Tour de France 2021, corsa da San Paul Chateaux a Nimes di 159 chilometri.

Nils Politt conquista in solitaria la 12esima tappa del Tour de France, corsa da San Paul Chateaux a Nimes per un totale di 159 chilometri. Tadej Pogacar (UAE Emirates) conserva saldamente la leadership in classifica generale, che rimane invariata. Forfait prima della partenza per Peter Sagan, tradito da un problema al ginocchio. Domani ennesima occasione per i velocisti con la Nimes-Carcassonne (219,9 km), prima di intraprendere la serie di tappe sui Pirenei, chance fondamentale per chiunque abbia la velleità di soffiare la maglia gialla al campione in carica.

Tour de France: la cronaca della 12a tappa

Ventagli e cambi di ritmo improvvisi provocano lo strappo a pochi km dallo start, quando in 13 tentano di staccarsi: tra di loro pure Julian Alaphilippe (Deceuninck – Quick Step), André Greipel (Israel Start-Up Nation), Edvald Boasson Hagen (Team TotalEnergies) e Sergio Henao (Team Qhubeka NextHash). Grazie anche alle scorie della doppia salita del “Monte Calvo”, riescono nel loro intento.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Tour de France
Fonte foto: https://www.facebook.com/letour/

Quando 38 km separano dal traguardo, in quattro provano la fuga: Imanol Erviti (Movistar Team), Stefan Küng (Groupama – FDJ), Nils Politt (Bora – hansgrohe) e Harry Sweeney (Lotto Soudal). Alaphilippe, l’eroe di casa, prova a recuperare, ma l’impresa è più grande di lui, nel momento in cui Politt coglie tutti di sorpresa a una decina di km dall’arrivo: il tedesco della Bora festeggia in solitaria, strappando il primo successo in carriera alla Grande Boucle. In netto ritardo Pogacar, giunta con più di un quarto d’ora di ritardo.

Ordine d’arrivo

1) Nils Politt (BORA – hansgrohe)

2)  Imanol Erviti (Movistar Team)

3)  Harry Sweeny (Lotto Soudal) 

Classifica generale

1) TADEJ POGACAR (UAE TEAM EMIRATES)

2) RIGOBERTO URAN (EF EDUCATION-NIPPO) +5’18”

3) JONAS VINGEGAARD (JUMBO-VISMA) +5’32”

4) RICHARD CARAPAZ (INEOS GRENADIERS) +5’33”

5) BEN O’CONNOR (AG2R CITROEN) +5’58”

6) WILCO KELDERMAN (BORA-HANSGROHE) +6’16”

7) ALEXEY LUTSENKO (ASTANA-PREMIER TECH) +6’30”

8) ENRIC MAS (MOVISTAR TEAM) +7’11”

9) GUILLAUME MARTIN (COFIDIS) +9’29”

10 PEIO BILBAO (BAHRAIN VICTORIOUS) +10’28”

11) MATTIA CATTANEO (DECEUNINCK-QUICK STEP) +15’35”


Wimbledon, Barty-Pliskova la finale femminile

Giochi olimpici, Berlino 1936: Jesse Owens lascia il segno