Il 2021 è un anno che passerà alla storia per diversi fatti ed eventi, ma anche per il grande aumento di persone attive sulle piattaforme di trading online.

Il numero dei nuovi trader è iniziato ad aumentare in modo importante dal 2017, per poi ricevere un’accelerata a partire dal 2019, toccando vette impensabili nel corso dell’anno scorso. I motivi che hanno portato a questi risultati sono davvero tanti e sbaglia chi pensa che sia tutto da collegare al lockdown.

La corsa alle piattaforme, infatti, era iniziata ben prima dell’arrivo del coronavirus, e sta proseguendo ancora oggi che le restrizioni sono state praticamente azzerate. I motivi veri vanno quindi identificati nei miglioramenti delle piattaforme, che oggi sono davvero intuitive e stabili, e nella riduzione dei depositi minimi iniziali, aspetti che hanno reso il trading alla portata di chiunque. Ma è anche importante capire quali sono i siti giusti per investire sui mercati finanziari.

Truffe trading

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Come scegliere la piattaforma di trading online

Per scegliere le piattaforma su cui investire è necessario fare un confronto tra le varie opzioni disponibili oggi, prendendo in considerazione solo gli intermediari regolamentati. La sicurezza va sempre messa al primo posto, quindi per essere certi di avere a che fare con soggetti affidabili bisogna verificare che abbiano ottenuto la licenza da un’autorità di controllo europea e l’autorizzazione della CONSOB per svolgere l’attività anche in Italia.

Gli altri fattori da pendere in considerazione sono: le tipologie e la quantità di asset negoziabili, i costi applicati, la presenza di strumenti per la formazione, la qualità della piattaforma ed i servizi a cui si ha accesso. A questo proposito, il portale tradingonlinetop.com ha selezionato i siti di trading più utilizzati dagli utenti, mettendone in risalto i punti di forza e permettendo così all’aspirante trader di individuare con maggiore facilità quello più adatto alle proprie esigenze.

La classifica dei migliori siti per investire sui mercati finanziari

Considerando tutti gli aspetti che abbiamo indicato in precedenza, la classifica dei migliori siti su cui fare trading vede un podio composto da eToro, XTB e Capex.com; alle loro spalle si sono piazzati Libertex, IQ Option e Markets.com. Il primato di eToro non è certo una sorpresa: l’anno scorso il broker ha festeggiato i venti milioni di utenti nel mondo e la sua ascesa non si è ancora arrestata.

Tra i suoi punti di forza è possibile indicare la semplicità della piattaforma, l’abbondanza di asset negoziabili, il deposito minimo di soli 50 dollari e l’assenza di commissioni sull’acquisto di azioni; e poi c’è la funzionalità di Copy Trading, che permette agli utenti di scegliere i trader esperti da copiare in modo da replicarne in automatico le mosse. Il Copy Trading è stato introdotto proprio da eToro, ma ha avuto un così grande successo che anche altri broker ne hanno proposto una loro versione.

I punti di forza dei migliori broker

XTB è una realtà abbastanza giovane, ma che è riuscita subito a ritagliarsi un importante spazio nei cuori dei trader. Tra le caratteristiche che piacciono di più è possibile menzionare l’assenza di commissioni per la negoziazione di ETF ed azioni, il conto demo gratuito ed illimitato e la grande attenzione riservata alla preparazione degli iscritti, con un’assistenza telefonica di primo livello e quello che forse può essere considerato come il miglior corso gratuito di trading online.

Chiudiamo questo viaggio tra i migliori siti per fare trading dando un’occhiata alle peculiarità di Capex.com. Tramite i CFD è possibile negoziare su più di duemila asset; i principianti possono farlo attraverso una piattaforma semplice ed intuitiva, mentre i più esperti di solito scelgono di utilizzare la professionale Meta Trader 5. I nuovi iscritti vengono seguiti con attenzione e possono accedere ad un’ampia sezione didattica. Le commissioni sono basse e il servizio di assistenza è molto buono.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 13-05-2022


3 consigli utili per organizzare un viaggio in auto

Titoli farmaceutici: quali previsioni per le azioni Moderna?