Ulivi nel campo di Trevignano, ma sul pozzo Gisella cambia idea
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Ulivi nel campo di Trevignano, ma sul pozzo Gisella cambia idea

statua della Madonna di Fatima

Cosa c’è dietro la piantumazione degli ulivi nel campo di Trevignano Romano? Una fonte svela la verità su Gisella Cardia.

Al centro del campo di Trevignano Romano, Gisella Cardia – che ogni 3 del mese recita il rosario in occasione della presunta apparizione della Madonna – ha piantato degli ulivi disponendoli a forma di croce. Quello a cui la veggente però era intenzionata era la costruzione di un pozzo (da anni negato dall’Ente Parco): ma adesso è la stessa Maria Giuseppa Scarpulla a cambiare idea.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

statua della Madonna di Fatima

Gli ulivi a forma di croce nel campo di Trevignano

Il campo dei rosari a Trevignano ha preso sembianze naturalistiche. Come ha mostrato Mattino Cinque nelle scorse ore, una croce realizzata con degli ulivi sembra voler rappresentare una navata in cui accogliere i fedeli.

Gisella Cardia insieme a suo marito, ha inoltre disposto un sistema di irrigazione che affianca le piante. Da tempo però, i due coniugi hanno espresso la volontà di costruire un pozzo all’interno del campo con vista panoramica sul Lago di Bracciano.

Una richiesta che, d’altra parte, è sempre stata negata dall’Ente Parco di Bracciano e Martignano, a causa di vincoli paesaggistici. Quello che ci si chiede è: non sarà la piantumazione degli ulivi una strategia per giustificare la costruzione del pozzo?

Il pozzo? Gisella non vuole più farlo

Diversi anni fa infatti, Gisella Cardia avrebbe confessato ad un ex fedele, Luigi Avella, di voler realizzare un pozzo per estrarre “acqua benedetta”. L’unica cosa che la veggente chiedeva, era l’autorizzazione per dare origine alla costruzione nel campo di Trevignano.

Tuttavia, ad oggi le sue intenzioni sembrano essere cambiate. Fonti vicine alla donna infatti, hanno dichiarato a Fanpage.it cheGisella Cardia non vuole più costruire il pozzo nel campo di rosari, l’Ente Parco di Bracciano e Martignano ha negato l’autorizzazione anni fa e la questione è chiusa”. “Se la Madonna che l’ha indicata vorrà, farà sgorgare l’acqua da sola, avrebbe dichiarato Gisella.

La piantumazione nel campo, solo ornamentale

Inoltre, la fonte vicina alla veggente di Trevignano, avrebbe spiegato che la piantumazione degli ulivi nel campo avrebbe in realtà un motivo puramente ornamentale, senza alcun secondo fine.

“Il campo appariva spoglio, lo impreziosiamo con queste albertaure per renderlo ancora più accogliente per i fedeli che arriveranno nel 2024. Il terreno è una proprietà privata, è stato acquistato e possiamo metterci le alberature autoctone che sono presenti nell’elenco di quelle consentite dall’Ente Parco. L’impianto idrico è stato predisposto per annaffiare le piante all’inizio, poi non ne avranno più bisogno. Non c’è nessun mistero“, spiega la fonte.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 15 Dicembre 2023 17:42

Che tempo farà nel weekend? Freddo sempre più pungente

nl pixel