Tridico (Inps), il pagamento della cassa integrazione ordinaria entro il prossimo 30 aprile. Tempi tecnici più lunghi per quella in deroga.

Scusandosi per i disservizi informatici sul sito dell’Istituto, il numero uno dell’Inps Tridico ha fatto sapere che il pagamento della Cassa integrazione sarà effettuato entro il prossimo 30 aprile.

Le scuse di Tridico

In videoconferenza in commissione Lavoro della Camera. il presidente dell’Inps Pasquale Tridico si è scusato per i disservizi registrati sul sito dell’Istituto.

Cassa integrazione ordinaria, Tridico: pagamenti entro il 30 aprile

Il numero uno dell’Inps ha poi parlato dei tempi previsti per il completamento dei pagamenti, assicurando che entro il 30 aprile saranno versati i soldi della Cassa integrazione agli aventi diritto.

“Entro il 30 aprile ci impegniamo fin da ora a pagare il resto dei provvedimenti del Cura Italia, cioè sostanzialmente la cassa integrazione”.

False mail INPS

Tempi più lunghi per la cassa integrazione in deroga

Il problema, emerso già nei prossimi giorni, riguarda il pagamento della cassa integrazione in deroga. Per questo tipo di pagamenti i tempi tecnici saranno più lunghi in quanto non sono ancora a disposizione i dati di tutte le Regioni. Quindi, in alcune i pagamenti sono già stati effettuati, in altre non arriveranno entro la fine del mese.

Tridico, 44 milioni di domande per il bonus destinato agli autonomi

Per quanto riguarda il bonus destinato agli autonomi, Tridico ha fatto sapere che l’Inps ha ricevuto quasi quattro milioni e mezzo di richieste. Tre milioni e mezzo di persone hanno già ricevuto il pagamento, mentre 400.000 domande sono state rifiutate in quanto non valide.

Scarica QUI il testo del Decreto Cura Italia per conoscere le norme a sostegno delle famiglie e delle imprese.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
coronavirus decreto cura italia economia evidenza inps News

ultimo aggiornamento: 21-04-2020


Essilux, taglio compensi per Cda e manager. Istituito fondo da 100 milioni per i dipendenti

L’Ufficio Bilancio sul Pil: “-15 per cento nel primo semestre”