Gli inquirenti hanno trovato dentro un’auto il cadavere di un noto camorrista di Napoli: si tratta di Pasquale Angellotti.

La vittima è Pasquale Angellotti, un uomo di 54 anni, soprannominato anche Lino ‘o cecato. Il suo corpo ormai privo di vita è stato ritrovato all’interno di una macchina dagli inquirenti, in una traversa di via Liguria, a Napoli. 

Polizia

La vittima era alla guida di una Fiat 500, di colore nero, ed è proprio all’interno della sua auto che gli inquirenti hanno ritrovato il suo cadavere. Il boss della camorra è stato ucciso mentre passava, a bordo della sua auto, nei pressi di un incrocio. Poi gli spari: il killer ha esploso diversi colpi. Gli inquirenti hanno ritrovato sul selciato numerosi bossoli esplosi dall’arma che ha ucciso Lino ‘o cecato.  

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Chi era Lino ‘o cecato

La vittima era un pluripregiudicato libero da quattro anni. Per diverso tempo Lino ‘o cecato è stato il braccio destro dei fratelli Lo Russo. Da ormai un anno, Angellotti era considerato l’unico boss camorrista di Milano. Colpevole del duplice omicidio di Salvatore Manzo e Giuseppe D’Amico, nel giugno del 2004, e per l’omicidio di Raffaele Calcagno, ad Ercolano, Pasquale Angellotti è stato assolto durante entrambi i processi. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 12-11-2022


Esplode furgone rosticceria, titolare arrestato per omicidio

Traghetto Genova-Palermo, ragazza scompare durante il viaggio