Morte Sana Cheema, assolti il padre, lo zio e il fratello della ragazza. I tre erano accusati della morte della venticinquenne portata via dall’Italia.

Si è concluso con un clamoroso nulla di fatto il processo a carico delle persone accusate dell’omicidio di Sana Cheema, ragazza italo-pakistana di venticinque anni portata via contro la sua volontà dall’Italia per sposarsi in Pakistan, dove i familiari le avevano organizzato un matrimonio combinato. Duro il commento di Salvini: “Se questa è la giustizia islamica c’è da aver paura“.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Morte Sama Cheena, assolti in Pakistan il fratello, il padre e lo zio della ragazza

Il tribunale pakistano ha incredibilmente assolto il padre, lo zio e il fratello della giovane, sul banco degli imputati con l’accusa di aver ucciso la venticinquenne dopo che la stessa aveva rifiutato il matrimonio che le era stato imposto dalla sua famiglia.

In un primo momento sembrava che Sana fosse morta per cause naturali, versione dei fatti confermata dai familiari. Solo l’autopsia avrebbe portato alla luce la verità: la ragazza è morta per strangolamento, quindi è stata uccisa.

I familiari della giovane sono stati assolti per mancanza di prove certe e di testimonianze.

L’ira di Matteo Salvini: Se questa è la giustizia islamica è una vergogna

La notizia ha suscitato lo sdegno di Matteo Salvini, che ha voluto esprimere il suo malumore con un messaggio condiviso sulla propria pagina Facebook.

Che vergogna!!! Se questa è “giustizia islamica” c’è da aver paura. Una preghiera per Sana“, ha scritto il Ministro sulla propria pagina Facebook.

Il numero uno del Viminale ha poi fatto sapere di essere intenzionato a inviare una lettera al suo collega pakistano per esprimere il malumore di tutto il popolo italiano per una scelta difficile da accettare.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
esteri evidenza Matteo Salvini News sana cheema

ultimo aggiornamento: 16-02-2019


Tav, l’Ue manda un ultimatum all’Italia

Blitz della polizia francese su treno, nuovo video shock