Ormai è estate e sono sempre più le persone che, affascinate dal mare e dalla sua immensità, decidono di trascorrere le loro vacanze in una maniera un po’ particolare.

Non il classico resort o albergo, ma in barca. E tanti sono anche quelli che hanno cominciato a noleggiare imbarcazioni anche per delle semplici escursioni e gite di una sola giornata.
Ma per fare tutto ciò, bisogna sapere quando è necessario acquisire una patente nautica e quante sono le tipologie previste dalla normativa italiana.

patente nautica

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Quando è obbligatorio acquisire una patente nautica

La patente nautica è un certificato obbligatorio che viene rilasciato dalla Capitaneria di Porto, dagli Uffici Circondariali Marini o dalla Motorizzazione Civile a seguito di un esame suddiviso in due parti, una teorica e una pratica.
Ha una validità di dieci anni e di cinque per le persone che hanno già compiuto i 60 anni d’età.
È obbligatoria quando si decide di comandare una nave da diporto che abbia una lunghezza superiore ai 10 metri o quando si naviga al di là delle 6 miglia di distanza dalla costa.
Per poter acquisire questo particolare documento è inoltre necessario superare un’apposita visita medica.

Quante tipologie di patenti nautiche esistono

Non esiste una sola tipologia di patente nautica, infatti la differenza è legata alla distanza massima oltre cui ci si può allontanare dalla costa. In particolare, all’interno della Categoria A, quella necessaria per comandare le navi da diporto, si distinguono due tipi: quella valida fino alle 12 miglia e quella che consente di allontanarsi anche oltre le 12 miglia e senza un limite massimo definito.

La patente nautica oltre le dodici miglia

La patente nautica oltre le dodici miglia è un documento che consente di condurre le navi da diporto, cioè quelle senza alcuno scopo di lucro, a qualsiasi distanza dalla costa. Unico limite è la lunghezza dell’imbarcazione che può essere al massimo di 24 metri.
Esistono due tipologie di certificazioni in base al tipo della barca che si andrà a condurre, infatti l’esame che verrà sostenuto sarà specifico per condurre mezzi a motore o a vela. La scelta deve essere effettuata nel momento in cui si presenta la domanda per sostenere l’esame.
Forse non tutti sanno, poi, che ottenere questa abilitazione consente anche di guidare le moto d’acqua.

Perché conseguire una patente nautica oltre le 12 miglia

Sempre più sono le persone che decidono di acquisire una patente nautica oltre le 12 miglia e i motivi sono tantissimi:

  • permette di praticare lo sport della vela;
  • è un requisito minimo per partecipare a regate e manifestazioni sportive;
  • consente di noleggiare e condurre delle imbarcazioni da diporto fino a una lunghezza di 24 metri e, con queste, organizzare le proprie vacanze o delle semplici gite ed escursioni in giornata;
  • conferisce un titolo utile per partecipare a molti concorsi pubblici, come per esempio quello per diventare un membro della Marina Nautica, della Protezione Civile o della Polizia di Stato;
  • consente a qualsiasi persona di avvicinarsi al ruolo dello skipper professionista.

La patente nautica oltre le 12 miglia, quindi, non è solo utile per la propria vita professionale, ma può essere un vero e proprio punto di partenza anche per un nuovo percorso professionale.

Come si acquisisce la patente nautica oltre le dodici miglia

Per conseguire la patente nautica oltre le dodici miglia è necessario, per prima cosa, superare un’idoneità medica che può essere rilasciata solo da un medico abilitato dall’ATS. Si dovrà, poi, seguire un corso teorico della durata di circa 30 ore oltre a delle uscite obbligatorie in barca per acquisire le competenze pratiche. Queste ultime possono essere effettuate sia mentre si sta seguendo il corso, sia al suo termine, prima di sostenere l’esame. Per superare l’esame teorico si dovranno eseguire degli esercizi di carteggio e prepararsi su circa 1450 quiz.
Una volta pronti, si dovrà sostenere l’esame teorico e quello pratico presso la Capitaneria di Porto, gli Uffici Circondariali Marini o la Motorizzazione Civile.

A chi rivolgersi per acquisire la patente nautica oltre le dodici miglia

Per acquisire la patente nautica oltre le dodici miglia è necessario rivolgersi e iscriversi a una scuola di nautica che permetterà di seguire tutte le lezioni teoriche e pratiche necessarie, si occuperà della preparazione della documentazione amministrativa necessaria e dell’iscrizione ufficiale all’esame.
A Milano, ad esempio, opera ormai da molti anni Vivere la Vela, una scuola associata FIV e con il Coni, specializzata, tra le altre cose, anche nell’organizzare queste tipologie di corso. Questa istituzione ha uno staff preparato, professionale e altamente disponibile, pronto a seguire qualsiasi persona dal momento della raccolta delle informazioni, fino al conseguimento della certificazione.
Agli studenti, infatti, è fornito tutto il materiale didattico necessario per prepararsi all’esame teorico e gli ausili necessari come ad esempio le squadrette e il compasso. Per acquisire le conoscenze tecniche vengono organizzate delle lezioni in presenza presso la sede, un’uscita in barca concordata con ogni singolo iscritto per la verifica delle competenze pratiche e una serata pre-esame per ripassare insieme prima dell’esame e eliminare ogni possibile dubbio. Presso la sede è possibile anche sostenere la visita medica obbligatoria.
Una volta pronti, si sosterrà l’esame teorico e, una volta superato, quello pratico entro un limite di 30 giorni di tempo.
Vivere la Vela cerca di andare incontro alle esigenze dei suoi iscritti, perciò è disponibile anche ad organizzare dei percorsi di preparazione personalizzati in base alle disponibilità di ogni singola persona.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 18-07-2022


Clinica capelli Turchia: quali risultati si possono ottenere

Gelmini lascia il partito azzurro: “è la fine di Forza Italia”