Dopo mesi arriva la sofferta e definitiva frattura tra la ministra Gelmini e il suo partito Forza Italia.

La ministra Maia Stella Gelmini faceva parte da oltre vent’anni del partito azzurro e da qualche mese era diventata insofferente alla linea politica di Forza Italia troppo vicino alla Lega. Le sue critiche avevano riguardato Ronzulli e lo stesso Berlusconi. Per la ministra il partito europeista e atlantista moderato e liberale aveva preso una piega troppo vicina al populismo leghista di Salvini. Una spinta che non piaceva troppo all’ala governista e moderata di Forza Italia.

Dopo la decisione di ieri di Berlusconi di seguire Salvini e Conte nello sfascio di questo governo nonostante i pericoli che l’Italia dovrà affrontare, la decisione è arrivata. Maria Stella Gelmini ha lasciato Forza Italia. Anche gli altri governisti che sostenevano Draghi come Brunetta e Carfagna temevano questa decisione di Berlusconi e ora temono per il proprio partito che verrà inglobato dalla Lega. Gelmini dichiara che “quello che è successo ieri è gravissimo” e che non riconosce più il suo partito.

Mariastella Gelmini
Mariastella Gelmini

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Gelmini: “Forza Italia si fonderà con la Lega”

“La Forza Italia che ho conosciuto in questi venticinque anni di militanza e di impegno politico sarebbe stata dalla parte di Mario Draghi”. Per la ministra Gelmini Forza Italia non si è opposta criticamente alle richieste della Lega. Secondo lei, ieri “è stata la rappresentazione dell’appiattimento acritico sulla Lega ed è stato il colpo definitivo di una storia ultra ventennale di battaglie liberali, riformiste e europeiste” dichiara la ministra in un’intervista al Corriere della Sera.

Questa sarebbe, secondo Gelmini, la fine di Forza Italia e avverrà una fusione con la Lega per far fronte all’emergere incessante di Meloni. Ora la situazione è grave ed è a rischio il Pnrr e la legge di bilancio. “Un danno enorme per il paese e un passo che indebolirà il fronte occidentale. Putin sarà soddisfatto” chiosa Gelmini. Ma questa non è solo la fine del governo Draghi e di Forza Italia, per la ministra è la fine anche del centrodestra. “E’ semplicemente un cartello elettorale populista e sovranista” e non sarà in grado di guidare il paese nella direzione giusta perché i tre partiti della coalizione non sono d’accordo su nulla quasi.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 21-07-2022


Tutto quello che dovete sapere sulle patenti nautiche oltre le 12 miglia

Italia digitale: arriva SHOPenauer, la prima piattaforma che unisce lo shopping reale con quello virtuale