Il presidente Putin in un colloquio con l’omologo turco Erdogan annuncia di essere pronto alla negoziazione, ma a delle condizioni.

Le due potenze protagoniste del grande conflitto sul territorio ucraino sembrano voler ritornare alla pace. In questi giorni il presidente russo Putin sta tenendo aperti i dialoghi con il turco Erdogan, con cui sembra trovare un accordo per mettere fine alla situazione attuale. Dalle ultime informazioni, la Russia è predisposta a negoziare con l’Ucraina ma con un cambiamento delle trattative.

Vladimir Putin
Vladimir Putin

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La negoziazione

Pochi giorni fa il presidente russo Putin aveva mosso un dialogo con il turco Erdogan mostrandosi propenso a terminare la guerra. L’obiettivo di entrambi è quello di raggiungere la pace ponendo fine alla situazione attuale che va avanti ormai da sette mesi. Per far sì che questo sia possibile, Kiev pretende la riappropriazione delle sue terre che sono state invase dalle truppe russe.

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha reso noto che in un colloquio con il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, la Russia continua a mostrarsi pronta a negoziare con l’Ucraina, ma con le condizioni per tali trattative che cambiano. Putin e i suoi parlamentari sono pronti per gli eventuali cambiamenti relativi alla potenziale annessione delle regioni ucraine del sudest: le Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia.

Intanto, secondo l’agenzia Interfax, 100mila russi sono fuggiti in Kazakistan dopo l’annuncio della mobilitazione da parte del presidente russo. Più di 8.000 hanno ricevuto un numero di identificazione personale per la registrazione e l’apertura di conti bancari nell’ex repubblica sovietica.

Dall’inizio di aprile, più di 93.000 cittadini russi hanno ricevuto numeri di identificazione e più di 4.000 hanno ricevuto permessi di soggiorno per il Kazakistan.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 27-09-2022


Lega: “E’ ora di un nuovo leader”

Voto italiani all’estero: premiato il Pd