Ulay è morto all’età di 76 anni. L’artista tedesco e storico compagno di Marina Abramovic si è spento a Lubiana, dove viveva da più di dieci anni.

LUBIANA (SLOVANIA) – Lutto nel mondo dell’arte. E’ morto all’età di 76 anni Ulay, artista tedesco e storico compagno di Marina Abramovic. La notizia della scomparsa dell’uomo è stata data dalla stampa di Lubiana, città dove viveva da più di dieci anni.

Diverse le persone che lo hanno ricordato sui social e che nelle prossime ore lo andranno ad omaggiare. Una morte che lascia un vuoto nel mondo dell’arte intenzionale ma anche in quella tedesca visto la decennale esperienza che Ulay ha avuto in questo settore.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Chi era Ulay

Nato a Solingen il 30 novembre 1943 (Sagittario), Frank Uwe Laysiepen, in arte Ulay, è stato uno degli artisti più importanti a livello mondiale. Trascorre in Germania la sua prima parte della vita ma, alla fine degli anni ’60, ha deciso di lasciare il proprio Paese, oltre che una moglie e un figlio, per trasferirsi ad Amsterdam dove è iniziata la sua carriera.

Ed è proprio in Olnda che ha conosciuto Marina Abramovic. Tra i due sin da subito è nata un’intesa artistica che con il passare degli anni si è trasformata in una relazione sentimentale che, nonostante i diversi litigi, è durata per ben dodici anni.

SH_ambulanza
SH_ambulanza

Ulay morto

La morte di Ulay è avvenuta il 2 marzo 2020 a Lubiana. L’artista tedesco si era trasferito in Slovenia nel 2009 pochi mesi prima della diagnosi di cancro. Una lunga battaglia che non lo ha allontanato dal mondo del lavoro, anzi ha continuato a realizzare le sue opere senza sosta.

Le condizioni, però, si sono aggravate con il passare dei mesi con il decesso che è stato constatato nei primi mesi del 2020. Una morte che ha lasciato un vuoto incolmabile nell’arte mondiale.

fonte foto copertina https://twitter.com/Allampino

ultimo aggiornamento: 02-03-2020


Il noto imprenditore Paolo Bodo aggredito e rapinato a Roma

C’è un eroe italiano nell’emergenza coronavirus