Un uomo si è sentito male in Riva San Lorenzo, i passanti non lo soccorrono, ma si fanno delle foto.

VERONA – Selfie con un uomo che sta morendo. Questo, in sintesi, è quello che è successo a Verona, nei pressi di Riva San Lorenzo, la mattina del 28 maggio 2018.

Un uomo di 55 anni si è sentito male in quella zona, avendo un infarto, ma invece di soccorrerlo i passanti hanno ben pensato di scattare fotografie e farsi dei selfie con l’uomo in fin di vita.

La folla era così presa dalla voglia di farsi selfie con il pover’uomo che l’ambulanza, per raggiungerlo, ha dovuto farla spostare. I paramedici sono arrivati il prima possibile e per oltre un’ora hanno provato a rianimare il 55enne. Purtroppo, però, non c’è stato nulla da fare e l’uomo è stato dichiarato morto senza nemmeno essere portato in ospedale.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La ricostruzione del drammatico “evento selfie”

Secondo le prime ricostruzioni l’uomo stava andando, dai muraglioni del ponte di Riva San Lorenzo, sulle scale che portano al livello del fiume. Per raggiungerle avrebbe scavalcato le scale e, subito dopo, è stato colpito dall’infarto e si è accasciato per terra dolorante e sofferente.

Verona
Fonte dell’immagine: https://pixabay.com/it/photos/verona-tramonto-panorama-italia-2715059/

Alcuni passanti, fortunatamente, hanno avvertito subito il 118 per soccorrere l’uomo, ma altri hanno deciso di fare altrimenti.

Molte delle persone che passavano di lì, infatti, alla vista dell’uomo in preda ai dolori ha ben deciso di iniziare a scattare delle foto o, addirittura, a farsi dei selfie.

Hanno deciso, coscientemente, di occupare il loro tempo a fare foto ad un uomo che stava morendo, invece di tentare di aiutarlo o, al più, andarsene. Purtroppo non è la prima volta che accade, così come non è raro che, oggigiorno, ci siano persone che muoiono pur di scattarsi un selfie.

L’arrivo dei soccorsi rallentati dalla folla

L’arrivo dell’ambulanza e delle forze dell’ordine è stato il più repentino possibile, ma una volta lì si sono dovuti confrontare con una folla che, di fatto, ostacolava le operazioni di salvataggio.

L’uomo di 55 anni, la cui identità è stata scoperta solo dopo aver trovato i suoi documenti nello scooter, forse poteva essere salvato se qualcuno avesse chiamato prima i soccorsi o non avesse ostacolato le operazioni per farsi una fotografia?

Non lo sapremo mai.

Fonte dell’immagine interna e di copertina: https://pixabay.com/it/photos/verona-tramonto-panorama-italia-2715059/

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 28-05-2019


Tragedia a Roma, bambino di un anno morto all’asilo nido

Torino, investita la figlia di Andrea Pirlo