Napoli, uomo di 57 anni ucciso in un agguato nei pressi di un circolo ricreativo. I sicari hanno esploso almeno venti colpi di arma da fuoco.

Torna la paura a Napoli, dove un uomo di 57 anni è stato ucciso con una ventina di colpi di arma da fuoco esplosi da distanza ravvicinata. I colpi sarebbero stati esplosi da almeno due pistole. Forse da una mitraglietta. Un vero e proprio agguato. Secondo le prime ipotesi potrebbe trattarsi di un regolamento di conti nel mondo della criminalità organizzata.

Napoli, uomo di 57 anni ucciso in un agguato: esplosi venti colpi di arma da fuoco

L’agguato è avvenuto intorno alle 16 dell’11 settembre in vico Fico al Mercato, Napoli. La vittima si trovava nei pressi di un circolo ricreativo quando sono arrivati i killer. In base alle prime informazioni, hanno sparato almeno due persone. I sicari hanno esploso una ventina di colpi di arma da fuoco. La vittima è stata colpita in diverse parti del corpo. Inutili i tentativi dei soccorritori.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Polizia
Polizia

Le indagini dei carabinieri: non si esclude la pista della criminalità organizzata

Sul caso indagano i Carabinieri della Compagnia Stella. Gli inquirenti ascolteranno i testimoni e visioneranno le immagini delle videocamere di sorveglianza installate nella zona. Gli investigatori scaveranno poi nella vita privata della vittima per provare a ricostruire la sua rete di contatti e la attività.

Secondo le prime informazioni raccolte, si ritiene che la vittima sia in qualche modo vicina al clan Rinaldi, da anni in guerra con il clan Mazzarella. Una delle ipotesi è che l’agguato possa essere riconducibile a questa faida nel mondo della criminalità organizzata.


Quanto è efficace il vaccino contro il Covid: gli ultimi dati dell’Iss

Napoli, ragazza di 28 anni partorisce e poi muore di Covid. Non era vaccinata. Bimbo salvato con parto prematuro