Un sondaggio realizzato dopo il duello di Cleveland testimonia come l’ex vicepresidente Biden sia in netto vantaggio su Donald Trump.

WASHINGTON – Il primo sondaggio pubblicato dopo il duello tv tra Joe Biden e Donald Trump vede il candidato democratico appare in testa di otto punti: secondo i dati di YouGov pubblicati dall’Economist, l’ex vicepresidente avrebbe infatti il 50% dei consensi contro il 42% del tycoon.
Per il sito specializzato RealClearPolitics, che calcola la media dei principali sondaggi, il gradimento di Biden risale con un vantaggio di 6,6 punti sul presidente in carica.

Joe Biden
archivio Image / Cronaca / Joe Biden / foto Imago/Image

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Dibattito Biden-Trump deludente

In generale però il dibattito non è piaciuto agli statunitensi. Un sondaggio post-dibattito di CBS News indica che l’83% degli spettatori ha ritenuto “negativa” la serata. Alla domanda su come li ha fatti sentire il dibattito, la risposta più popolare, al 69%, è stata “infastidito“; solo il 17% si è sentito “informato“.
Il duello di Cleveland è stato infatti contrassegnato da insulti e continue interruzioni tra i due contendenti.

Usa 2020, indecisi e fasce di voto

Solo un elettore registrato su 12 ha dichiarato di essere indeciso (4%) o voterebbe, se fosse possibile, per un altro candidato (2%). Il 2% degli interpellati ha espresso invece l’intenzione di non recarsi alle urne. Dai dati si evince inoltre che l’ex vicepresidente continua a vantare un forte consenso tra i neri americani (77% contro 13%), gli ispanici americani (60% contro 28%), gli elettori sotto i 30 anni (58% contro 25%), le donne (55% contro 36%) e gli elettori moderati (60% contro 29%).

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 01-10-2020


Vertice a Palazzo Chigi su Autostrade. Il Governo: “Nuova proposta o revoca”

Coronavirus, stato di emergenza fino al 31 gennaio. L’ipotesi al vaglio del governo