Utenti in calo per Facebook dopo 18 anni. Zuckerberg: “E’ colpa della concorrenza”. Si cambia?

ROMA – Per la prima volta dopo 18 anni Facebook ha registrato un calo di utenti. In particolare Meta ha fatto sapere che al termine dell’ultimo trimestre del 2021 i profili attivi erano 1,929 miliardi rispetto agli 1,930 miliardi dei tre mesi precedenti.

Una frenata che preoccupa un po’ i vertici, ma Zuckerberg ha motivato questa piccola diminuzione degli utenti con l’aumento della concorrenza. I prossimi mesi, comunque, saranno fondamentali per capire meglio se il trend si consoliderà oppure ci sarà un cambio di passo e un ritorno ad un numero maggiore di profili.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Calo dei ricavi

Meta ha registrato un calo di ricavi nel quarto trimestre, cioè il primo da quando ha cambiato. I ricavi sono stati 33,67 miliardi dollari, in aumento rispetto a quello di un anno fa, ma l’utile netto è stato del -8% e questo sicuramente non aiuta in vista del futuro.

La speranza è quella di poter ritrovare il prima possibile la crescita che ha sicuramente caratterizzato i 18 anni di vita di Facebook. E soprattutto bisogna capire se il calo è strettamente legato al cambio nome oppure alla concorrenza come ipotizzato dallo stesso Zuckerberg.

Mark Zuckerberg
Mark Zuckerberg

Zuckerberg cambia strategia?

Il calo dei ricavi e dei profili attivi sui social potrebbe portare Zuckerberg a cambiare strategia rispetto a quella adottata nelle ultime settimane. Sicuramente l’aumento della concorrenza costringerà Facebook e Meta ad adottare un cambio di passo per avvicinare quei risultati ottenuti in passato.

I prossimi mesi, quindi, saranno fondamentali per capire se il calo sarà strettamente legato ad un periodo particolare oppure si dovrà obbligatoriamente adottare una strategia diverse per provare ad arrivare ai risultati che in questi 18 anni Facebook ha raggiunto senza faticare e soprattutto diventare uno dei leader del settore.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 03-02-2022


La Bce lascia i tassi invariati. Lagarde: “Inflazione in rialzo per i prezzi energetici”

Stellantis, accordo con i sindacati per 714 uscite volontarie