Vaccino Covid, dal 3 giugno cadono i vincoli anagrafici: cosa cambia.

Il 3 giugno è il giorno della svolta per quanto riguarda la campagna di vaccinazione… ma non in tutte le Regioni. Il Commissario Figliuolo e il Ministro della Salute Roberto Speranza hanno dato il via libera alla prenotazione del vaccino contro il Covid senza restrizioni anagrafiche: ma cosa cambia dal punto di vista pratico?

Vaccino Covid, cosa cambia dal 3 giugno

Dal 3 giugno le Regioni possono aprire le prenotazioni senza vincoli di età. In poche parole salta in vincolo della fascia di età. Fino al 3 giugno le Regioni hanno convocato per anno di nascita, partendo dai soggetti fragili e scendendo. In base alle nuove indicazioni della struttura commissariale e del ministro della Salute Roberto Speranza, è possibile prenotarsi indipendentemente dall’età. Uno sprint finale per vaccinare nel minor tempo possibile i giovani e i giovanissimi, gli unici rimasti fuori dalla campagna di vaccinazione.

Cadono quindi i vincoli anagrafici che erano stati stabiliti per vaccinare nel minor tempo possibile tutti i soggetti fragili.

Come ricordato dal sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, ci si potrà vaccinare ovunque, anche in farmacia e nelle aziende.

Ovviamente l’indicazione del governo e della struttura commissariale porta ad un nuovo sprint nella campagna di vaccinazione, che ora interessa i giovani e i giovanissimi, da mettere in sicurezza prima dell’inizio del nuovo anno scolastico.

Vaccino Covid
Vaccino Covid

L’autonomia delle Regioni

Come abbiamo avuto modo di analizzare, non tutte le Regioni hanno accolto l’indicazione del governo. Alcune Regioni, come ad esempio il Lazio, procedono per fascia di età, così da proseguire e portare a termine il percorso che fino a questo momento ha dato buoni risultati. Ovviamente l’adesione al piano del governo è libera e dipende dal numero di dosi a disposizione della Regione e dalla composizione anagrafica della popolazione e da esigenze particolari.

Il vaccino dai 12 anni

Al 3 giugno tra le regioni che hanno aperto le prenotazioni del vaccino a tutti solo 4 hanno incluso i ragazzi dai 12 anni. Nonostante il via libera dell’Aifa, solo in Lombardia, Veneto, Campania e Calabria è possibile prenotare il vaccino per la fascia di età 12-15 anni.

TAG:
primo piano vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 03-06-2021


Covid, Biden lancia la proposta: “Birra gratis per chi si vaccina”

Italia Zona Bianca dal 21 giugno: il calendario