La Food and Drug Administration ha individuato un nesso tra il vaccino Johnson and Johnson e la sindrome di Guillain-Barré. Cos’è e quali sono i sintomi.

La Fda (Food and Drug Administration) lancia l’allarme sul rischio di una sindrome neurologica rara legata al vaccino Johnson and Johnson: si tratta della sindrome di Guillain-Barré. La buona notizia è che, nonostante un aumento sospetto dei casi che confermerebbe il rischio, la maggior parte delle persone che si sono ammalate in seguito alla vaccinazione sono guarite.

Fda, con vaccino Johnson and Johnson aumenta il rischio di contrarre la sindrome di Guillain-Barré

Dati alla mano, la Fda riporta che tra i vaccinati il rischio di contrarre la sindrome è da tre a cinque volte più alto. Si registra inoltre un numero maggiore di casi tra gli over 50. E al momento è stato comunicato un decesso causato dalla sindrome. Nei soggetti vaccinati la sindrome si manifesta entro le tre settimane dalla somministrazione del vaccino.

Il bilancio finale della Fda è che i benefici restano di gran lunga superiori ai rischi, quindi non ci sono le condizioni per disporre uno stop alla somministrazione del vaccino Johnson & Johnson.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Johnson and Johnson
Fonte foto: https://www.facebook.com/JohnsonSpaSalute

Cos’è la sindrome di Guillain Barré e quali sono i sintomi

Per una definizione della sindrome ci affidiamo alle informazioni fornite da Humanitas:

“La sindrome di Guillain-Barré è la più frequente forma di polineuropatia acquisita dovuta a una lesione acuta del nervo che il più delle volte è dovuta a una demielinizzazione (perdita delle guaine mieliniche che rivestono le fibre nervose). Nelle forme più gravi si ha anche la degenerazione secondaria degli assoni (il prolungamento dei neuroni) mentre in alcuni pazienti la degenerazione assonale è precoce e compare invece della demielinizzazione“.

I sintomi

La sindrome di Guillame Barré è caratterizzata da una sensazione di debolezza, perlopiù simmetrica e accompagnata da parestesie, che esordisce in genere alle gambe per progredire poi alle braccia”, si legge ancora sul sito Humanitas.

“Più della metà dei soggetti colpiti da questa patologia presenta debolezza muscolare a livello facciale e orofaringeo e circa il 5-10% deve essere intubato a causa dell’insufficienza respiratoria. In questi pazienti sono inoltre spesso presenti fluttuazioni della pressione arteriosa, aritmie cardiache, modificazioni pupillari. L’esordio è rapido è la patologia può evolvere a paralisi totale e insufficienza respiratoria, che possono mettere il paziente in pericolo di vita (circa il 5% dei pazienti muore). La sindrome di Miller Fisher, considerata una variante della Guillain-Barré, si manifesta con “caduta” delle palpebre (ptosi palpebrale), visione doppia (diplopia) e marcia instabile (atassica)”.

Coronavirus
Coronavirus

Gli altri effetti collaterali del vaccino Johnson and Johnson

Per quanto riguarda gli altri effetti collaterali gravi, Johnson & Johnson si ritiene riconducibile anche a casi di trombosi, come il vaccino AstraZeneca. I due vaccini sfruttano la stessa tecnologia, quella dell’adenovirus.

TAG:
coronavirus primo piano vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 13-07-2021


Emergenza Covid in Italia, contagi in risalita. Ipotesi nuove restrizioni

Caso Saman Abbas, sospese le ricerche