Un distaccamento ha interessato il versante trentino della Marmolada, con la valanga che ha travolto un rifugio. Non si registrano persone coinvolte.

Paura sul versante trentino della Marmaloda, interessato da una valanga di moderate dimensioni che ha travolto e distrutto il rifugio Pian dei Fiacconi. La violenza della neve ha causato danni ingenti anche ad un impianto sciistico che si trova nel quadrante interessato dal distaccamento.

Di seguito il tweet condiviso sul profilo ufficiale del Soccorso Alpino

Valanga sulla Marmolada, travolto il rifugio Pian dei Fiacconi

Il distaccamento è avvenuto nella giornata del 15 dicembre. Secondo le prima informazioni non ci sono persone coinvolte, quindi non di ci sono dispersi o feriti.

La valanga ha travolto il rifugio Pian dei Fiacconi, uno dei rifugi storici della zona, un vero e proprio punto di riferimento per gli escursionisti e gli amanti della zona.

Le prime testimonianze confermano che la struttura è stata completamente distrutta dalla valanga. Resti dei muri sono stati trovati addirittura a valle, trascinati dalla violenza della neve. Le camere sono state scoperchiate. Di fatto quello che era un rifugio apprezzato da tutti è ora ridotto ad un cumulo di macerie.

Ovviamente la buona notizia è che non ci sono persone coinvolte. Quella che poteva essere una tragedia si è conclusa senza feriti e senza vittime.

Ambulanza Soccorso Alpino
Ambulanza Soccorso Alpino

L’intervento dei soccorritori

I soccorritori e gli uomini del Soccorso Alpino hanno comunque sorvolato la zona per poter fare una stima e per poter procedere con un primo bilancio. Una squadra di soccorritori invece ha raggiunto il parcheggio per accertarsi che non ci fossero macchine. La presenza di un’auto a valle avrebbe potuto indicare la presenza di escursionisti.

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
cronaca marmolada valanga

ultimo aggiornamento: 16-12-2020


Google, Gmail non funziona: segnalazioni anche nella giornata del 15 dicembre

“Febbre gialla potrebbe essere la nuova epidemia”, il nuovo allarme