Il profilo dei soggetti a rischio di fronte alla diffusione della variante Delta del Covid. L’età media dei contagiati è sotto i 30 anni.

In base ai dati dell’Istituto Superiore di Sanità è possibile tracciare il profilo di quelli che sono i soggetti a rischio per la variante Denta del Covid, ossia il profilo di chi contrae la nuova forma del nuovo coronavirus, di chi finisce in ospedale e chi purtroppo perde la vita.

La prima fase dell’emergenza sanitaria

Il dato di fatto è che siamo di fronte ad una situazione completamente differente rispetto a quella di inizio epidemia. La forma tradizionale del coronavirus si diffondeva meno rapidamente e ha fatto un gran numero di morti soprattutto tra gli anziani. La media età dei decessi era molto elevata. Motivo per il quale si è deciso di mettere subito al sicuro i soggetti fragili con la campagna di vaccinazione.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Coronavirus
Coronavirus

Variante Delta Covid, chi sono i soggetti a rischio

E in effetti in questa nuova fase dell’emergenza sanitaria, caratterizzata dalla diffusione della variante Delta del Covid, lo scenario è diverso. In base ai dati a disposizione al 17 luglio, l’età media è scesa a 28 anni. Significa che i soggetti a rischio contagio sono soprattutto gli under 30.

Per quanto riguarda i ricoverati e le vittime, i soggetti a rischio sono persone non vaccinate o che non hanno completato il ciclo vaccinale. Nello specifico, l’Iss comunica che dei 941 pazienti ricoverati in ospedale tra il 21 giugno e il 4 luglio, 80 erano coperti con doppia dose di vaccino, 89 avevano fatto una sola dose di vaccino e 772 erano soggetti non vaccinati.

In 14 giorni sono state ricoverate in terapia intensiva 94 persone: 4 avevano completato il ciclo di vaccinazione, 10 avevano solo la prima dose e 80 non avevano fatto neanche una dose di vaccino.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 17-07-2021


Coronavirus, gli scienziati bocciano la ‘linea Johnson’

Covid, torna la paura. Ecdc: “Forte aumento dei contagi nelle prossime settimane”