La variante indiana del Covid è arrivata in Veneto. Luca Zaia: “Affrontiamo giorno dopo giorno questi aspetti e andiamo avanti”.

La variante indiana del Covid è arrivata anche in Veneto. Lo ha comunicato il Presidente della Regione Luca Zaia nel corso di un aggiornamento sulla situazione epidemiologica.

Coronavirus
Coronavirus

Covid, la variante indiana registrata in Veneto. Zaia: “Si tratta di due cittadini indiani di Bassano”

“Si tratta di due cittadini indiani di Bassano, padre e figlia, con la variante indiana. Le varianti ormai sono migliaia, e prima o poi arrivano tutte. Affrontiamo giorno dopo giorno questi aspetti, e andiamo avanti”, ha reso noto il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia informando che la variante indiana è stata registrata anche in Veneto.

Luca Zaia
Luca Zaia

La strategia contro la nuova variante: tracciamento dei contatti e isolamento dei casi

La variante indiana preoccupa le autorità sanitarie. L’India è stata travolta da una nuova ondata di contagi. Il sistema sanitario è allo stremo e il tracciamento dei casi è saltato complicando l’individuazione dei casi e l’isolamento dei soggetti positivi.

Sono tre gli aspetti fondamentali da chiarire sulla nuova variante del Covid: se si trasmette più rapidamente rispetto alla forma originale, se è più letale e come si comportano i vaccini, se sono efficaci e quanto.

Ovviamente la preoccupazione aumenta con il ritorno della zona Gialla e con le riaperture del 26 aprile. L’invito delle autorità è quello di osservare le regole fondamentali anti-contagio, quindi la distanza interpersonale e la mascherina, da indossare in maniera corretta. Nel caso di soggetti positivi contagiati con la nuova variante, questi devono essere immediatamente isolati e si deve procedere con un rapido tracciamento dei contatti stretti per individuare nuovi casi eventuali.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 26-04-2021


Caso Biot, Mosca espelle Addetto navale aggiunto dell’Ambasciata d’Italia. La Farnesina: “Decisione ingiusta, ritorsione”

Carabinieri arrestati a Piacenza, la richiesta della Procura